A- A+
PugliaItalia

 

consalesBari –  “L’Udc  è stato determinante nell’elezione del sindaco e di questa amministrazione e quindi, avremmo voluto e vorremmo un maggior coinvolgimento nelle decisioni politiche ed amministrative della città”. Non si sa ancora se sarà una crisi lampo, quella in Giunta aperta dai casiniani e da Noi Centro a Palazzo Nervegna, ma la vigilia dell’incontro con il primo cittadino Consales comincia con le dichiarazioni ad Affari del segretario provinciale centrista Ciro Argese sulle motivazioni del provvedimento: “ragioni politiche ed amministrative”, argomenta in merito alla richiesta di azzeramento della squadra di Governo, preceduta dal ritiro della delegazione assessorile e dall’annuncio di una verifica di maggioranza. 
 
Per quanto riguarda il profilo amministrativo, abbiamo chiesto al sindaco alcuni chiarimenti: per questo gli assessori Udc, che ringrazio, si sono dimessi, per poter anche confrontarsi più serenamente con le altre parti interessate”, spiega, non recedendo minimamente sul knock out della Giunta prima del vertice. Che la richiesta di maggiore collegialità non sia una perifrasi per accelerare sul rimpasto previsto già ad inizio anno e sul quale poi erano state le Politiche ad imporre lo stop? Ed al cambio di equilibri seguirebbe una maggiore rappresentanza centrista nel nuovo team? Dallo scudo crociato non ne fanno una questione di nomi, tantomeno quello del vicesindaco Paola Baldassarre, ruolo che costituirebbe, secondo alcuni un nodo non indifferente da sciogliere. L’alternativa, per l’ex corrispondente Ansa da maggio scorso in fascia tricolore, potrebbe essere il ritorno in Consiglio con una virata a sinistra, contando anche sull’entrata in maggioranza di alcuni dei consiglieri del “gruppo Ferrarese”.
 
Diversamente ci sarebbe da scongiurare il commissariamento e dal Pdl escludono qualsiasi ipotesi di ribaltone: il gruppo consiliare degli azzurri “non ha mai pensato a ribaltare l'esito delle amministrative scorse. Nè potrebbe sostenere politicamente l'azione di una Amministrazione che in soli pochi mesi ha prodotto molto fumo e poco arrosto, che s'è pure bruciato”, manda a dire il capogruppo Mauro D’Attis in serata, a stretto giro di posta dall’onorevole uscente Gino Vitali che poche ore prima aveva aperto alla possibilità di arrivare in maniera concordata ad elezioni anticipate, a patto che da dal successore di Mennitti arrivi la dichiarazione di fallimento del laboratorio politico in città. Non un appoggio esterno, dunque: “Noi non sosteniamo politicamente Consales”, taglia corto D’Attis,  “e non mi stupisco se nel prossimo futuro assisteremo a capriole politiche pur di assicurarsi i numeri a sostegno”. Intanto, per ulteriori sviluppi, basterà attendere domani.
 
(a.bucci1@libero.it)
 
Tags:
brindisiconsalespdlpdferraresegiuntacrisi
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.