A- A+
PugliaItalia
Colecchia XI congr

“L’Italia deve darsi politiche per lo sviluppo che, attraverso riforme compiute, favoriscano la solidarietà tra le imprese, la sostenibilità ambientale e che facciano aumentare il buon lavoro”. Il Segretario generale della Cisl di Puglia, Giulio Colecchia, ha provato a delineare, nel corso dell’apertura del nuovo Congresso regionale del sindacato, il quadro attuale della Puglia del lavoro, sempre più figlia del precariato e dell’instabilità sociale: “Come dicono in tanti, “manca l’ossigeno”.

In Puglia la situazione non è confortante. Tra il 2011 e il 2012, 47.000 persone si sono aggiunte all’esercito dei 186 mila disoccupati portando il tasso di disoccupazione al 18,2%”. Senza dimenticare i circa 60 mila lavoratori che vanno avanti grazie agli ammortizzatori sociali: “L’esercito dei precari – prosegue Colecchia - è in continua crescita, così come quello degli scoraggiati. Oltre un terzo dei giovani è disoccupato”.

Patto sociale, eliminazione di spese improduttive e superflue, abbattimento dei costi parassitari della cattiva politica: queste le parole chiave della prima delle tre giornate targate Cisl Puglia, con il preciso intento di un progetto per la crescita, per la salute e per il lavoro. Diverse le condizioni necessarie, quindi, secondo il sindacato: miglioramento della capacità di spesa delle risorse disponibili, soprattutto di quelle della programmazione europea; programmazione degli interventi non con esclusiva attenzione alle condizioni economiche e sociali del territorio; una programmazione nazionale di raccordo e completamento con quella che le Regioni sono chiamate a fare.

Ad aggravare il peso delle dichiarazioni anche i dati della Caritas, secondo la quale in Italia sarebbero 11 milioni le famiglie povere. Secondo il Censis, inoltre, il 26% delle famiglie nel Mezzogiorno è materialmente povero ed in Puglia quelle in stato di “grave deprivazione” sono circa il 21,1% del totale. Ed è rivolto proprio alla Regione Puglia l’appello, che in parte sa di rimprovero, di Colecchia: “Il riordino della sanità, dopo il piano di rientro che ne avrà pur ridotti i costi economici, ma con alti costi sociali, è oggi ancora un insieme di promesse e visioni ma non un recupero effettivo di ritardi e sprechi. Su questo versante il dialogo sociale è stato meno che insufficiente. Le cabine di regia che avrebbero dovuto creare condizioni di condivisione e partecipazione nei territori non hanno avuto dalla Regione i necessari input e sollecitazioni”. Rivolgendosi idealmente al governatore Vendola, presente l’Assessore regionale al Lavoro, Caroli, il Segretario della Cisl di Puglia: “La crisi batte in maniera sempre più forte. Insieme a grandi gruppi industriali, (ILVA, Bridgestone, OM), si sono aggiunte, sul tavolo della task force regionale per l’occupazione, le aziende della sanità privata e dell’editoria (circa 40 nel solo 2012)”. Innegabile secondo la Cisl la debolezza del sistema di piccole e piccolissime imprese “che non riescono (o non vogliono) crescere”: “Una debolezza – ricorda Colecchia - che non hanno recuperato né gli incentivi dei fondi strutturali messi a disposizione dalla Regione per ricerca e innovazione, né quelli del Piano straordinario per il lavoro”.

“La sfida per far uscire la Puglia dalle sabbie mobili della crisi – conclude il Segretario generale della Cisl di Puglia, Giulio Colecchia - è di alto profilo e richiede che, insieme alle Istituzioni, assumano un ruolo di maggiore protagonismo le Associazioni di rappresentanza delle imprese”.

Tags:
cisldisoccupazionescoraggiatigiovanilavorocolecchia
Loading...
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Commissione d’inchiesta sulla giustizia, Laboccetta lancia la petizione
Covid, il pass digitale per il movimento dei sudditi del regime terapeutico
Covid, ora fase 2 e si riapre: poi richiuderanno accusando 'i sudditi'
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.