A- A+
PugliaItalia
Emiliano a Brindisi, Sagra del Programma 'La sovranità a cittadini ed elettori'

La sagra di Brindisi conquista i giovani. Studenti universitari, ricercatori, ragazzi e ragazze under 30 che si avvicinano per la prima volta alla politica: sono loro ad aver accolto per primi l’invito di Michele Emiliano a scrivere il programma del futuro governo della Regione Puglia.

In coda già prima dell’apertura dei cancelli hanno affollato la sala della Masseria Marziale, che ospita la seconda Sagra del Programma. Accanto a loro siedono cittadini, sindaci, amministratori, esponenti di primo piano della politica, rappresentanti del mondo dell’associazionismo e delle professioni, per partecipare al primo esperimento scientifico di governo di una regione attraverso un processo realmente democratico e popolare, dal basso verso l’alto, mai realizzato prima in una campagna elettorale.

foto sala Brindisi
 

“Sono felice che la provincia di Brindisi abbia risposto con questo entusiasmo al nostro invito. Abbiamo impostato la campagna elettorale come l’occasione per sperimentare un metodo di governo nuovo, fondato sul coinvolgimento reale dei cittadini nelle scelte da compiere a livello amministrativo".

"La Sagra del programma è un processo inedito e complesso che ci consentirà di scrivere il nostro programma dal basso. Un metodo che, in caso di vittoria delle elezioni, sarà alla base di una legge regionale sulla partecipazione. Il percorso è ancora all’inizio, eppure già ricco di idee e proposte. I pugliesi hanno una gran voglia di essere protagonisti, di avere voce in capitolo, e il loro sguardo sulle cose per me è fonte inesauribile di ispirazione e conoscenza".

Già a metà giornata è lungo l'elenco di richieste e proposte dirette al presidente in corsa della Regione. "La Puglia che verrà non potrà non tenerne conto", Michele Emiliano lo ribadisce anche qui a Brindisi: “Se vinceremo le elezioni – dice – i pugliesi saranno i protagonisti delle scelte politiche e saranno loro ad avere voce in capitolo”.

“Più turismo”, “Rivalutazione dell’ambiente”, “Il porto e la zona industriale” , “Beni culturali”, “Maggiori spazi a disposizione delle politiche giovanili”: sono soltanto alcune delle istanze emerse dai confronti che animano il secondo appuntamento del processo partecipativo.

“Ho una gran voglia di ascoltare le proposte dei giovani, le loro idee sono una fonte inesauribile per me di ispirazione e conoscenza – aggiunge Emiliano – qui a  Brindisi si respira un’aria di innovazione, cambiamento, di progresso”  Oltre 300 partecipanti hanno scelto la nuova formula proposta dal candidato presidente di centro sinistra, per offrire spunti di riflessione e cogliere l’occasione di dare un proprio contributo alla prossima amministrazione regionale. A maggio è previsto un grande momento deliberativo per il raccordo di tutto il percorso e l’individuazione delle priorità.

Le notizie rimbalzano da Bari e segnalano l'incontro con Cgil, Cisl e Uil e l'annuncio della candidatura di Guglielmo Minervini con la lista "Noi a sinistra, per la Puglia" di Dario Stefàno, che conferma comunque la sua permanenza nel PD.

I dissapori prendono corpo nell'intervento conclusivo di Emiliano, tutto centrato sul concetto di "sovranità": "Come recita la nostra Costituzione la sovranità appartiene al popolo. E la Sagra del Programma è sì una consacrazione, ma non di un re o di un uomo solo al comando, bensì della vostra sovranità, delle vostre idee, e del vostro desiderio di partecipare attivamente alle scelte di governo. Oggi a Brindisi tanti cittadini, molti dei quali giovanissimi, hanno lasciato la loro traccia in quello che sarà il nostro programma di governo. È un'emozione poter avere, già a quest'ora del pomeriggio, il documento finale dove sono raccolte nero su bianco tutte le idee emerse durante la giornata. Vogliamo fondare sulla partecipazione il nostro metodo di governo".

Sagra BR
 

A fine giornata la soddisfazione è evidente: "Ringrazio tutti coloro che dedicano tempo ed energie per riempire di contenuti la nostra campagna elettorale - tieni a precisare l'ex sindaco di Bari - sia che si tratti dei partecipanti ai tavoli tematici, che dei volontari a supporto dell’organizzazione. Il bello di questa esperienza è la concretezza: per questo, anche a Brindisi, a fine lavori, abbiamo aperto le porte a tutti, per condividere gli esiti della Sagra, presentando il report conclusivo”.

(gelormni@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
emilanosagraprogrammacittadinisovranitàelettori
i blog di affari
Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.