A- A+
PugliaItalia
Fabris, la parola scritta sul filo del monologo

di Antonio V. Gelormini

Immaginatevi "imbavagliati" sulla poltrona di un barbiere a rimirarvi nel "geometrico" (e non aritmetico) gioco di specchi che vi circonda. E a raccogliere con cura tutti i frammenti di pensieri caduti sotto i colpi, ritmati e costanti, delle sue forbici, lungo la guida a denti stretti del suo pettine.

Avrete la percezione più vicina all'essenza dei monologhi "interiori", che hanno ispirato l'ultimo lavoro di Piero Fabris, e che materializzano la loro epifania nella parola: forse non unico, ma evidente e autentico specchio dell'anima.

Passaggio necessario, dolce e radicale, per fare piazza pulita di ogni pelosa riflessione e per cantare, nella nudità vellutata dell'apparenza, la bellezza temporanea di una sensazione.

Fabris specchio
 

"Inchiostrati sulla lame del rasoio" - Falvision 2014, è la raccolta di pensieri, osservazioni e considerazioni sottaciute e ciclicamente "rispolverate" durante i ripetuti interventi in bottega, per dare un aspetto ordinato, piacevole e quasi estraneo di sé, fino al sopravvento irsuto della quotidianità e al ritorno periodico sotto i ferri del mestiere, protettivi e taumaturgici, del sensale uso ad ogni risma.

Una liturgia laica capace di comprendere e provocare stati d'animo riconcilianti, che Fabris utilizza come fonte inesauribile e apparentemente silenziosa, per i suoi monologhi cosiddetti "obsoleti".

Un efficace metodo compositivo di sceneggiature recitate, che danno ritmo all'incedere scenico e attraggono attenzioni ed emozioni, con l'architettura leggera di un copione mai uguale a se stesso.

barbiere
 
barbiere rasoio
 

Fabris è il Figaro mozartiano che, in un crescendo armonico di espressioni, nel "mondo di chiacchiere" per antonomasia - la sua metaforica barberia - cattura il silenzio rumoroso dei pensieri, man mano che spuntano incolti dalle teste dei "clienti" che si ritrova per le mani.

Schermi, sorrisi, allusioni, maschere, divise o costumi di scena, diventano ingredienti talvolta pirandelliani, altre volte filosofici, altre ancora metafisici, per rappresentare l'intimo essere di ciascuno, in quel riverbero plurale dei tanti, che ogni giorno ci passano accanto o di fronte e segnano senza volerlo la nostra esistenza.

Un percorso d’esercizio letterario che, attraverso forme dinamiche di scrittura, elabora e modella la staticità riflessiva del dialogo muto, che anima lo sguardo incerto nello specchio della vita, per trasformarlo in monologhi condivisi con l’immagine vivace, severa e secolarizzata, racchiusa in una foto sulla mensola di casa.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fabrisrasoioinchiostratifalvisionversimonologhibarbiere
i blog di affari
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.