A- A+
PugliaItalia
giac locandina

«Al Maxxi hanno posto la censura su “Girlfriend in a coma” il film di Annalisa Piras e di Bill Emmott sui mali dell’Italia. Un atto che lo stesso Emmott ha definito con toni molto pesanti non condividendone la scelta nella sostanza e nel merito. Noi non ci faremo intimidire da questa posizione  e con ancor più convinzione proietteremo il film a Taranto per dimostrare che, nonostante l’imminenza di un appuntamento elettorale, parlare dei mali del nostro Paese non ha una connotazione partitica, non è un modo per forviare le coscienze, ma il  dovere di una informazione libera  che richiama la popolazione a una riflessione ampia e profonda». Così, Giacomo Raffaelli e Giuseppe Russo, il primo coordinatore del movimento Rinascere, il secondo presidente dell’associazione culturale Accademia degli Audaci, che con “Impatto Zero” sono i promotori della presentazione del docu-film “Girlfriend in a coma” a Taranto il prossimo 21 febbraio nella sala del Cinema Savoia.

Emmott Berlu

 «La proiezione tarantina non subirà alcuna variazione – commentano Raffaelli e Russo. Il film è il risultato di un lavoro giornalistico prodotto da una delle più importanti firme economiche inglesi e da una giornalista che da anni si occupa di inchieste di rilievo che lo scorso anno sono venuti a Taranto a raccontare i mali di questa terra, il rapporto tra città e industria, la convivenza tra profitto e salute.  Abbiamo grande rispetto per il lavoro fatto da questi professionisti – proseguono gli organizzatori - e soprattutto per il pubblico che si appresta a vedere il docufilm. Non è un film a poter condizionare le scelte che ciascun libero cittadino potrà fare  al momento del voto, visto che lo stato di drammatica emergenza in cui versa il Paese è cosa ben nota a chiunque segua le vicende italiane».

melandri

Diversi gli interventi a proposito della storia di questa “fidanzata in coma”. Dal premier Mario Monti, al filosofo Umberto Eco, da Nanni Moretti alla femminista Lorella Zanardo, da Sergio Marchionne a Roberto Saviano. E tanti gli aspetti affrontati nei 98 minuti della pellicola. La diaspora tutta italiana che vede coinvolti milioni di giovani dovuti emigrare, al tema della donna e delle pari opportunità, la mafia, il lavoro, ma come ha dichiarato Alain Elkann al termine della visione del film a Londra «non è un film contro l’Italia, ma per l’Italia».

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
piras. emmottberlusconigirlfriendtarantoveneziafilm
i blog di affari
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
L'OPINIONE di Diego Fusaro
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.