A- A+
PugliaItalia
Grano-pasta, a Bruxelles il decreto sulla tracciabilità

A una svolta la battaglia per l'etichettatura, e quindi la tracciabilità, di prodotti dalla capitale per la produzione agricola del Mezzogiorno, in particolare, e dell'Italia in generale, come il grano e la pasta. Il Governo si appresta a trasmettere al Parlamento Europeo il decreto che ne dovrà tutelare applicazione e controlli.

Mongiello Colomba1
 

"Salutiamo con soddisfazione la decisone comunicata dal Premier Renzi di inviare nella giornata di venerdì a Bruxelles il decreto che prevede l'introduzione nelle etichette dell'origine della materia prima per la filiera del grano-pasta", hanno dichiarato la compomponente della XIII Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, Colomba Mongiello, e il Coordinatore dei Parlamentari pugliesi del PD, Dario Ginefra.

ginefra3
 

Mongiello e Ginefra in una nota diffusa hanno poi aggiunto: "Tale decisione, frutto della scelta compiuta dal Parlamento a seguito della Risoluzione a prima firma Mongiello e sostenuta dall'intera delegazione dei deputati pugliesi del PD, garantirà la trasparenza della materia prima, il diritto dei cittadini al consumo consapevole e darà il giusto valore alle produzioni made in Italy".

"Viene premiato - concludono i due parlamentari pugliesi - grazie all'intesa raggiunta tra il Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, e il Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, l'attivismo del nostro gruppo parlamentare, a partire da quello delle Commissioni componenti".

grano barilla
 

Anche il senatore Dario Stefàno, Capogruppo (Misto) in Commissione Agricoltura al Senato, ha commentato la notizia sul decreto che il Governo invierà a Bruxelles - come annunciato da Matteo Renzi - con cui si dispone l'introduzione dell'obbligo in etichetta dell'origine della materia prima per la filiera grano-pasta.

Stefàno viti
 

"Mi fa piacere che si stia compiendo un altro significativo passo verso una maggiore tutela del Made in Italy. D'altronde, in Italia la pasta è alimento identitario, parla della nostra cultura, dello stile di vita, delle nostre abitudini a tavola però poi dobbiamo anche dimostrare in concreto di essere dalla parte dei nostri produttori e dei consumatori". 

"Proprio qualche giorno fa, al Question Time in Senato - ha precisato Stefàno - avevo chiesto al Ministro Martina di sviluppare strumenti e misure per difendere il made in Italy dalla massiccia importazione di grano verso l'Italia, dopo i fatti accaduti al Porto di Bari. Il governo ha tenuto fede all'impegno assunto e con il decreto sull'obbligo di etichetta in origine ha dimostrato finalmente di avere orecchio".

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
grano pasta decreto tracciabilità colomba mongiello dario ginefra dario stefàno matteo renzi bruxellesgrano pasta etichetta origine decreto
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.