A- A+
PugliaItalia
Guerriglia sui rifiuti tra i Comuni di Bari e Modugno

Con una nota diffusa alla vigilia di Ferragosto, l'Amministrazione Comunale di Modugno reagisce alle accuse provenienti dal capoluogo levantino, a proposito del conferimento extracomunale, "furbastro" e non consentito dei rifiuti, da parte di cittadini indisciplinati.

Spazzatura AROBA2
 

"L’assessore all’ambiente del Comune di Bari, Piero Petruzzelli - recita la nota - ha pensato bene di salvarsi dall’annunciato naufragio della politica dei rifiuti della Regione Puglia, della Città metropolitana e dello stesso Comune di Bari, individuando e additando i responsabili della pratica dell’esportazione nel territorio di Bari di paesi e città vicine, di Modugno in particolare: colpa loro se a Bari i rifiuti clandestini sommergono la città".

"Dalle parole dell'assessore Petruzzelli - prosegue la nota - risulta anche evidente che questi comportamenti, al Comune di Bari, andavano bene sinché venivano adottati dagli utenti baresi nella zona artigianale di Modugno: sversamenti per quintali di materiali vari dei quali esistono persino prove fotografiche e denunce. Non vanno invece bene quando c’è il sospetto (solo il ‘sospetto’ del contrario)".

"In verità - si aggiunge nella missiva - l’iniziativa dell’Assessore di Bari ha il senso e la ruvida portata dello scaricabarile. Oggi le difficoltà nei controlli del Comune di Bari, come quelle di tutti i Comuni, sono evidenti, a dispetto della propaganda e delle telecamere (le quali - si sa - oltre ad essere piazzate forniscono filmati che, per essere utili, devono essere visti ed esaminati in modo da dar corso ad indagini che portino all'identificazione dei trasgressori: procedure lunghe che non danno immediate soluzioni)".

Spazzatura Aro Modugno
 

"D'altro canto - precisano da Modugno - queste difficoltà a Bari durano da mesi se non da anni, come attestano pagine e pagine di giornali locali, e sono state messe in luce dallo stesso assessore solo qualche giorno fa quando col sindaco ha aperto bustoni neri di spazzatura collocati in pieno giorno accanto ai cassonetti nel pieno centro di Bari. Ma invece di prendere atto di queste difficoltà, l'assessore Petruzzelli trova più comodo (più facile dal punto di vista mediatico) 'sparare' la frase ad effetto dei 'danni' prodotti da 'altri' ".

Petruzzelli conf
 

"Oggi - segnala l'Amministrazione della città alle porte di Bari - l’assessore ignora completamente la rivoluzione sociale e culturale in atto a Modugno, con l’introduzione della raccolta dei rifiuti porta a porta ed ignora o finge di ignorare i mille tentativi anche politici di ostacolare questo processo che la popolazione di Modugno sta assecondando invece, e sostenendo con ammirevole partecipazione, al punto che ne sono già tangibili i risultati, a dispetto di chi parla di ‘esportazione’ dei rifiuti".

Magrone sindaco3
 

"Ignora, l’assessore Petruzzelli, o finge di ignorare - rincara la nota - che l’Aro Ba/2, con Modugno capofila, è stato l’unico a superare, e a pieni voti,  “l’esame” dell’Autorità Anticorruzione nella gestione delle procedure per giungere ad un affidamento trasparente ed efficiente della raccolta dei rifiuti in una regione come la Puglia che - sempre secondo Cantone - è una regione caratterizzata da rilevanti criticità, ritardi e inadempienze nella chiusura del ciclo dei rifiuti e nell’applicazione della normativa in materia di affidamento della gestione dei servizi di raccolta, spazzamento e trasporto dei rifiuti solidi urbani".

Quindi la conclusione 'a mano tesa': "Siamo certi che anche Bari riuscirà a far fronte alle difficoltà che oggi incontra: speriamo, dunque che Modugno e Bari possano, insieme, riuscire finalmente ad ottenere dalla Regione Puglia trasparenza e chiarezza anche nella chiusura del ciclo dei rifiuti e nella utilizzazione degli impianti".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
bari modugno guerriglia rifiutirifiuti aro2 modugno pietro petruzzelli bari
i blog di affari
Cdx, le liti regalano Milano a Sala. La Destra meneghina non esiste più
di Maurizio De Caro
Green pass, tracciamento digitale per riavere diritti sequestrati in lockdown
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.