A- A+
PugliaItalia
Esposito Vitaliano

Gioco di sponda incrociato di funzioni e competenze, per accompagnare l’evolversi della situazione Ilva a Taranto.

Vitaliano Esposito, già Procuratore Generale della Cassazione, “vigilerà” sul rispetto delle prescrizioni dell'Aia e sulle eventuali sanzioni che potrebbero portare anche all'esproprio. Alfio Pini, già capo dei Vigili del fuoco, dovrà gestire “con giudizio” il tesoro stanziato da Governo e Regione per le bonifiche

Le nomine di Vitaliano Esposito, Garante per il monitoraggio dell'esecuzione delle prescrizioni contenute nell'autorizzazione integrata ambientale per l'Ilva, e di Alfio Pini, a Commissario straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, colmano due caselle in altrettante leggi relative al caso dell'Ilva di Taranto che erano rimaste vuote.

La legge sulla bonifica 171 del 4 ottobre 2012, che nasce dal decreto legge 129 del 7 agosto scorso, e' stata approvata definitivamente dal Parlamento il 3 ottobre scorso e nasce dalla necessità di bonificare dall'inquinamento accumulatosi negli anni tutte le aree esterne allo stabilimento dell'Ilva a partire dal rione Tamburi di Taranto, che é quasi attaccato al siderurgico, dal mar Grande e dal mar Piccolo di Taranto e dal Comune di Statte che dall'acciaieria dista pochissimi chilometri.

Pini Alfio

La legge si collega ad un accordo fra Governo ed enti locali sottoscritto a luglio ed ha una dotazione finanziaria globale di 336 milioni di euro, tre quarti dei quali stanziati dallo Stato e il resto dalla Regione Puglia.

Non tutti i 336 milioni riguardano però la bonifica in quanto nella legge ci sono 187 milioni per il potenziamento infrastrutturale del porto e 30 milioni, invece, il rilancio industriale con progetti innovati.

Come spiegò il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, in un vertice il 17 agosto scorso nella prefettura di Taranto insieme al ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, i fondi per il porto sono stati inseriti nella legge sulla bonifica perché "vogliamo legare bonifica dall'inquinamento e rilancio dello sviluppo economico in quest'area puntando sul porto e sull'innovazione".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
piniespositotarantoilvacommissariosupergiudice
Loading...
i blog di affari
Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
PROGETTI PER CARCERI, GIUSTIZIA, VOLONTARIATO, CINEMA, DONATORI SANGUE
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.