A- A+
PugliaItalia
Bonelli(1)
"Sabato prossimo scadrà il lock-up delle azioni dei soci dell'Alitalia per cui i soci potranno vendere le azioni della compagnia di bandiera perché venuto meno il blocco previsto dal governo". Lo dichiara il presidente dei Verdi Angelo Bonelli che aggiunge: "Chiediamo che si provveda immediatamente al sequestro conservativo del pacchetto azionario del 16,6% di Alitalia in mano alla famiglia Riva e che quelle risorse siano messe a garanzia delle bonifiche per la città di Taranto".
 
"La quota di Alitalia in mano alla famiglia Riva è un bene economico certo e che è ancora in Italia: chiediamo che venga usata come garanzia perché sarebbe davvero assurdo che dopo aver inquinato e trasformato Taranto in una delle città più inquinate d'Europa ora nessuno pagasse il conto - continua Bonelli -. Perché il governo (che ha quantificato in 3-4 miliardi il costo degli interventi) non ha chiesto al gruppo Riva di sottoscrivere una fideiussione bancaria a garanzia di questa somma?
 
"Evidentemente l'unico scopo del governo era quello di bypassare il sequestro della magistratura restituendo a chi ha provocato questa situazione le chiavi dell'azienda introducendo per decreto la libertà di inquinare - conclude Bonelli -. Ho una forte preoccupazione che chi ha provocato questo enorme disastro ambientale e sanitario facendo utili per miliardi di euro, grazie alle azioni del governo Monti non pagherà un euro per le bonifiche".
Tags:
bonelliverdialitaliailvatarantoquotefamiglia
i blog di affari
Lions Club Lecce ringrazia azienda di Bergamo
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.