A- A+
PugliaItalia

Non si vedono cenni di rasserenamento nei cieli di Taranto dopo il vertice in Prefettura con il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini.

Il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sulla vicenda Ilva, sollevato dalla Procura di Taranto alla Corte Costituzionale, "non sospende l'esecuzione del provvedimento normativo impugnato e viene esaminato dalla Consulta solo dopo la preliminare valutazione della sua ammissibilità", fa sapere il procuratore della Repubblica di Taranto, Franco Sebastio.

"All'Autorità giudiziaria - scrive in una nota - non è consentita l'adozione di misure di compromesso, magari anche comprensibili da diversi altri punti di vista, ma che non trovano il loro fondamento in specifiche disposizioni normative processuali e penali".

Un altro duro colpo alla proposta del “dissequestro vincolato” avanzata nei giorni scorsi anche dal Governatore Vendola, quale ipotesi parzialmente risolutiva per lo sblocco della situazione all’Ilva.

 

Tags:
ilvatarantospiraglisebastioclinistallo
i blog di affari
Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.