A- A+
PugliaItalia


 

LO SPECIALE ILVA DI AFFARITALIANI.IT

arrestateli

ACQUISTA "ARRESTATELI - Tutti i veleni dell'Ilva", IL NUOVO LIBRO DI AFFARI ITALIANI EDITORE - FORMATO EBOOK

ACQUISTA "ARRESTATELI - Tutti i veleni dell'Ilva", IL NUOVO LIBRO DI AFFARI ITALIANI EDITORE - FORMATO CARTACEO

************************************

VENDOLA-BERSANI-ILVA. LA RAGNATELA POLITICA DEI RIVA

LA MACCHINA DEL FANGO MADE IN ILVA. GLI ARTICOLI? "SCRITTI DALL'AZIENDA"

********************************************

ilva patto d'acciaio

ACQUISTA "IL PATTO D'ACCIAIO", IL LIBRO DI AFFARITALIANI.IT

*******************************************

TROMBA D'ARIA SULL'ILVA. IL VIDEO

IL DOCUMENTO INTEGRALE DELLA CONTESTATA AIA DEL 2011 CON LE 462 PRESCRIZIONI ALL'ILVA

Esclusiva/ Vendola: "Regione in regola. Ora i Riva tirino fuori i soldi". L'intervista del direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino al governatore della Regione Puglia

TUTTI I VIDEO CHOC DEL NOE DI LECCE E DEGLI AMBIENTALISTI

LA PRIMA ORDINANZA DEL GIP DI TARANTO PATRIZIA TODISCO

I DOCUMENTI DI AFFARI/ Le conclusioni della maxi perizia sui rischi per la salute

I DOCUMENTI DI AFFARI/ "Piombo nelle urine": leggi lo studio integrale

******************************

LE INTERVISTE

Il primario di ematologia e consigliere regionale Idv Patrizio Mazza: "Serve la chiusura. La bonifica? Una cazzata"

Grazia Parisi, la pediatra di Tamburi: "Bambini con i tumori da fumo. L'industria ci sta uccidendo"

Francesco Maresca, 31 anni da operaio all'Ilva: "Lì è un inferno dantesco. I sindacati? Con Riva sono spariti"

Lorenzo Nicastro, assessore all'Ambiente della Regione Puglia: "Io e Nichi, due rompicoglioni"

Roberto Della Seta (Pd): "Il Pd mi lasciò solo. L'email a Bersani? Lui non me ne parlò"

Giorgio Assennato (Arpa Puglia): "Mai ricevute pressioni da Vendola. La chiusura? Clini responsabile"

 

No al dissequestro di coils e lamiere bloccati dallo scorso fine novembre. Poche ore dopo il deposito dell'istanza da parte dell'Ilva, arriva la risposta dei pm: le merci, pari ad un milione e 700mila tonnellate e dal valore commerciale di un miliardo di euro, restano sequestrate. I pm passano la questione al gip Patrizia Todisco, al quale chiederanno di sollevare alla Consulta la legittimita' costituzionale della legge, la n. 231 del 24 dicembre scorso, approvata dalla Camera il 19 dicembre e dal Senato il 20 dicembre e pubblicata sulla "Gazzetta Ufficiale" di ieri.

Prevedibile che adesso anche il gip vieti il dissequestro proprio per sollevare l'eccezione di incostituzionalita'. Proprio rifacendosi alla legge, che autorizza sia la produzione dell'Ilva di Taranto per 36 mesi (i tempi fissati dall'Aia per mettere a norma gli impianti), sia la commercializzazione dei semilavorati e dei prodotti sequestrati, che gli avvocati dell'Ilva hanno presentato oggi l'istanza di dissequestro. Il no dei pm era tuttavia nell'aria, considerato che la Magistratura tarantina ha deciso di dar battaglia sulla legge ritenendola anticostituzionale. Infatti, a proposito del decreto legge 203 del 3 dicembre scorso e' stato gia' sollevato dalla Procura nei giorni scorsi il conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato alla Corte Costituzionale, un nuovo conflitto sara' adesso sollevato dalla stessa Procura per la legge di conversione, mentre al gip tocchera' sollevare l'eccezione di incostituzionalita'.




Lo sblocco dei prodotti finiti e dei semilavorati e' stato inserito con un emendamento del Governo nel decreto 203 alfine di evitare la paralisi produttiva dei siti Ilva che sono alimentati da Taranto. L'azienda, infatti, nel momento in cui si e' vista rifiutare il dissequestro di coils e lamiere, ha fermato a Taranto buona parte degli impianti dell'area a freddo e dichiarato che 1428 unita' della stessa area erano a rischio. A questi andavano aggiunti altri 2500 negli altri siti, di cui 1500 a Genova. In seguito per i 1428 di Taranto l'Ilva ha chiesto ai sindacati la cassa integrazione in deroga, che pero' non le e' stata mai concessa per il fatto che l'Ilva stessa non ha mai avanzato formale richiesta alla Regione, come quest'ultima ha comunicato alla Provincia di Taranto.

Di fatto, poi, l'inattivita', anziche' coinvolgere tutti i 1428 addetti previsti, ha interessato solo un numero inferiore di lavoratori per i quali adesso l'Ilva dovra' comunque accollarsi i costi del mancato lavoro non potendo beneficiare dell'ammortizzatore sociale. Adesso, in presenza del no dei pm, l'Ilva, per cercare di ottenere il dissequestro di coils e lamiere, potrebbe mantenere il ricorso presentato al Tribunale dell'appello che ha gia' programmato per l'8 gennaio la discussione in proposito. I legali dell'Ilva hanno presentato questo ricorso prima che ci fosse la conversione del decreto in legge.

Tags:
ilvaprocuraprodotti semilavorati
i blog di affari
Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il gelato d' autunno a Longarone: il Made in Italy riparte in dolcezza
CasaebottegaJalisse
Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.