A- A+
PugliaItalia
“La Puglia in più” , una campagna d'ascolto itinerante

Di Chiara Giulia Micoccio

“Vogliamo rafforzare  il nostro movimento – ha sottolineato il capogruppo in Consiglio regionale Angelo Disabato – e la nostra idea di impegno politico per la Puglia. In questi anni abbiamo contribuito, con competenza e motivazione, al progetto di governo regionale e alla sua impronta innovatrice sostenendo con lealtà il Presidente Nichi Vendola e la coalizione di centrosinistra. Un progetto che ci ha visti in sintonia con SEL con cui abbiamo stretto un patto federativo e con cui abbiamo condiviso idee, obiettivi strategici e azioni concrete. Vogliamo rendere ancora più partecipativo il dialogo con i pugliesi completando il percorso che ha consentito al movimento di radicarsi in tutta la Puglia. Vogliamo farlo con una nuova ambizione ed una responsabilità altra. Vogliamo evitare che le larghe intese nazionali offuschino la portata politica del cantiere di innovazione che è la Puglia di Vendola. L’obiettivo è quello di capire come e cosa fare per continuare questo progetto innovativo. La certezza è che questo percorso lo faremo con tutti i pugliesi ”.

I nuovi responsabili provinciali sono: per Bari Valentina Santoliquido, per la Bat Antonia Cassese, per Brindisi Claudia Zezza, per Foggia Giuseppe Patruno, per Lecce Sebastiano Leo, per Taranto Angelo Lorusso.

“Ringrazio il Movimento per avermi affidato questa responsabilità - ha aggiunto Nicola Scelsi – così come ringrazio tutta la squadra che sino ad oggi ha lavorato consegnandoci una straordinaria diffusione del Movimento. Dobbiamo portare a compimento le molte iniziative già avviate e la sfida sarà quella di sognare ad occhi aperti e realizzare nuovi ed ambiziosi progetti per la nostra Puglia. Abbiamo chiesto a Dario Stefano, fondatore e da sempre punto di riferimento della Puglia per Vendola, di  assumere la guida politica del Movimento, convinti che le sue qualità umane e professionali, la sua leadership e le sue intuizioni politiche, unitamente all’etica dimostrata anche nella gestione del “caso Berlusconi” in qualità di Presidente della Giunta per le Elezioni del Senato,  possano aiutarci ad attraversare la Puglia e raccogliere le diverse storie che la animano. Quelle storie che Dario ha già dimostrato di saper ascoltare, capire e valorizzare. La campagna di ascolto ci consentirà di raccontare quelle storie e di raccogliere istanze, spunti e proposte da consegnare a chi avrà la responsabilità  futura di governare la Puglia”.

La campagna itinerante “La Puglia in Più” è un tour che si articolerà intorno ad alcuni luoghi chiave delle sei province pugliesi: aziende e microimprese, laboratori artigianali, cooperative, associazioni, consorzi, masserie didattiche, insomma realtà produttive e di attività nel sociale. Il tour sarà scandito da sei incontri pubblici serali i cui protagonisti saranno storie e personaggi significativi de “La Puglia in più”.

Si partirà la prossima settimana con il tour nella provincia di Taranto incontrando i ragazzi della comunità Emmanuel di Martina Franca, il Polo scientifico tecnologico di Taranto, la Cooperativa Ittica Jonica di Taranto, la società CISA di Massafra - impegnata nel progetto di bonifica del Mar Piccolo (zona Cimino) con tecnologia CNR e piantumazione pioppi -, la Cantina Sociale San Marzano di San Giuseppe (Grottaglie), l’azienda agricola Cavallo Gaetano di Grottaglie - aggregata alla associazione Anceo Terre ioniche - che produce uva da tavola ed è impegnata su lotta integrata e qualità ed infine  il Consorzio Agrumicolo Tarantino di Palagiano. A conclusione del ciclo di incontri itineranti il giorno 24 aprile, alle ore 18,30, si terrà una manifestazione pubblica presso la sede della  Camera di Commercio di Taranto.

Cosi per ogni provincia: il 5 maggio a Brindisi si concluderà il ciclo di incontri territoriali della provincia brindisina; poi toccherà al territorio barese, con incontro di chiusura il 10 maggio a Bari; il 16 maggio a Lecce si concluderanno gli incontri nel Salento.

Ultime due tappe: provincia di Foggia, con dibattito pubblico il 23 maggio e Bat con serata conclusiva il 30 maggio a Canosa.

“Ringrazio il Movimento per questo ulteriore attestato di affetto e stima che mi carica di nuove responsabilità e che ho accettato col cuore - ha dichiarato Dario Stefàno - perché le sfide più appassionati non si possono che accettare col cuore. E questa è una sfida appassionante e impegnativa. Poiché ha a che fare con la Puglia, con la vita e le storie delle persone che la abitano, con il destino e le aspettative dei nostri territori. Viviamo un periodo denso di accadimenti, sociali e politici, che richiedono di essere sintonizzati ancora meglio e di più su ciò che attraversa, a volte con travaglio, la vita della nostre comunità. Noi vogliamo continuare a leggere questo nostro presente volgendo lo sguardo anche al futuro, con un approccio che vuol provare a generare soluzioni calibrate su nuovi obiettivi e nuove ambizioni. Il percorso avviato dalle politiche regionali degli ultimi dieci anni con la guida di Nichi Vendola è stato un cantiere straordinario di innovazione, culturale e di governo, che deve proseguire. Abbiamo fatto molto ma c’è tanto ancora da fare. Ecco perché “La Puglia in più”: una Puglia capace di rinnovare il patto generazionale che ci impegna a continuare a sostenere i giovani, la loro formazione e la creazione di occasioni di lavoro e di certezze; che innova in tutti i settori per rilanciare il sistema di imprese che chiede sostegno alla competitività; che non ha paura di guardare al futuro perché è tornata ad essere orgogliosa delle sue radici e delle sue identità. La regione del diritto al lavoro, allo studio, ad una vita dignitosa, ad una casa, ad una scuola che funziona, ad una cultura sulla quale si investe. La regione in cui i diritti sono reali opportunità. Questa è la Puglia in più di cui abbiamo bisogno e che va fatta emergere e che deve essere valorizzata con politiche virtuose, concrete e innovative”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
puglia
i blog di affari
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.