A- A+
PugliaItalia
13 05 13 foto incontro candidatura capitale europea 2019

Si è tenuto a Palazzo di Città a Bari l’incontro promosso dal sindaco Michele Emiliano per la candidatura di Taranto a Capitale europea della Cultura del 2019 in qualità di capofila dell’intero territorio pugliese.

Alla presenza del sindaco di Bari, del sindaco di Taranto Ippazio Stefano, dell’assessore al Marketing territoriale Gianluca Paparesta, sono intervenuti i rappresentanti delle amministrazioni comunali e provinciali di Taranto, Foggia, BAT, area metropolitana di Bari, nonché numerosi portatori di interesse pugliesi. Tra i presenti anche il direttore dell’area Politiche per la promozione del territorio della Regione Puglia Francesco Palumbo.

Nel corso della riunione è emersa la volontà politica e territoriale di sostenere, in modo compatto, la candidatura di Taranto alla luce della possibile riconversione post-industriale della città ionica, come avvenuto in altre realtà europee da Liverpool (2008) a Lille (2004).

“Oggi possiamo dire con certezza - ha dichiarato il sindaco Emiliano - che buona parte delle realtà della regione sono pronte a supportare la candidatura di Taranto come capofila dell’intera area regionale, di tutte le sue bellezze e le sue diversità. Siamo uniti, da Foggia ai Comuni della BAT, da Brindisi e alle varie realtà dell’area metropolitana di Bari, e concentrati su un unico obiettivo, quello di sostenere la città ionica. La Regione è disposta ad aiutarci, ma è necessario che non vi sia una sovrapposizione di candidature regionali, perché questo porterebbe all’esclusione di entrambe. Se invece riuscissimo a proporre un nome che rappresenti l’intera regione, potremmo contare sul supporto tecnico della Regione Puglia. Le molteplici caratteristiche dei nostri territori, le diverse culture presenti e le infinite bellezze pugliesi, dal Salento al Gargano,

TARANTO3

avrebbero più di un’opportunità per ottenere un risultato eccezionale non solo per Taranto, ma per tutti noi. A fronte di questa forte presa di posizione dei Comuni e delle altre realtà presenti qui oggi - come il Politecnico di Bari, l’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, l’Autorità portuale di Bari, la Sovrintendenza - crediamo sia opportuno condividere questo percorso con la città di Lecce, l’unica che non ha ancora aderito al progetto, e incontrare quanto prima il presidente Vendola e gli assessori competenti proprio per irrobustire il nostro disegno ed elaborare il dossier entro il mese di settembre”.

“Credo che la città di Taranto - ha concluso Michele Emiliano - abbia tutte le carte in regola per farcela non solo per le sue peculiarità storico-culturali, ma anche perché, in un momento di grande difficoltà come quello che sta vivendo, potrebbe finalmente ottenere il giusto risarcimento per i tanti sacrifici sopportati per lo sviluppo dell’intero Paese. La  riconversione e la rigenerazione urbana, come avvenuto in altre città europee, potrebbero rappresentare un equo indennizzo nei confronti di una popolazione che ha tutto il diritto di dare una svolta positiva al proprio destino”.

Il sindaco Stefano ha annunciato che nominerà il consigliere comunale Gianni Liviano coordinatore dei lavori per la candidatura di Taranto Capitale europea della Cultura del 2019. Il prossimo incontro operativo nella città ionica si terrà giovedì 16 maggio.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
tarantoemilianopugliastefànopalumboregionecapitalecultura
Loading...
i blog di affari
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN
Eriksen, la svolta del calcio: da spettacolo del business a lezione di umanità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.