A- A+
PugliaItalia

Domenica 6 maggio, a Lecce come in molte altre località, si apriranno i seggi per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale.

In vista di tale evento, nonostante manchino ancora poco meno di due mesi all’appuntamento, è già partita la rituale “campagna”: suona invero fuori luogo l’inveterato ricorso a detta accezione, atteso che la stessa, nel suo significato più tradizionale e autentico, richiama alla mente raccolti di assai diverso genere, naturali e genuini.

Fra le iniziative di propaganda dei candidati, rientra, come è noto, l’allestimento di temporanee sedi personalizzate, sotto l’insegna di “Comitati elettorali”, generalmente in locali, presi in affitto, prospicienti su strade o piazza ad alta densità di transito.

Orbene, nell’ambito del quartiere di chi scrive, nel breve raggio di quattrocento – cinquecento metri, si sono, ad oggi, materializzati ben sette siti, con tavoli e poltroncine e, soprattutto, nomi e fotografie degli aspiranti in formato cinemascope.

Facile immaginare quante sedi analoghe siano già fiorite o stiano per spuntare nell’intera città.

Quale significato è verosimilmente e attendibilmente da conferire al proliferare dei “comitati” in discorso? Puro mecenatismo degli interessati? Semplicemente un loro complimento di riguardo all’indirizzo degli elettori? Magari fosse così!

Le ragioni più realistiche e/o fondamentali stanno, purtroppo, nella consapevolezza, in seno agli aspiranti amministratori, della sontuosa e ricca greppia, cui, in caso di vittoria, sarà loro dato di accedere, accostarsi e attingere. Interesse, dunque, calcolo inequivocabile, ossia a dire niente si fa per niente.

Beh, così stando le cose, dato che, in fondo, protagonisti e artefici determinanti della gara di che trattasi siamo noi, corpo elettorale, al fine di non perpetuare passivamente e, anzi, di scoraggiare queste surrettizie e parassitarie formule d’investimento, dovremmo unanimemente farci portavoce e batterci per la non remunerazione delle cariche pubbliche elettive o, al meno, per la drastica riduzione dei correlati emolumenti, portandoli, ad esempio, a un decimo della misura attuale.

Sarebbe una risposta concreta alla necessità di contenere i costi pubblici.

 

Rocco Boccadamo

Lecce

e.mail: rocco_b@alice.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pugliarocco boccadamo
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.