A- A+
PugliaItalia
Zullo Cassano
 

Bari – Sarà pure una “scissione controllata”, come la definiscono in molti, ma il nuovo centrodestra pugliese è pronto a varare i gruppi autonomi, tanto in Via Capruzzi quanto a Palazzo di Città. Mentre Forza Italia esce dalla maggioranza di Enrico Letta, in Puglia continua ad aumentare il numero di amministratori e consiglieri che lasciano la formazione azzurra per passare, armi e bagagli, tra le fila degli alfaniani: “C’è grande soddisfazione”, commenta a caldo il senatore Massimo Cassano, “nel giro di una settimana stiamo ricevendo centinaia di adesioni e Bari diventa uno snodo principale”.

LO STRAPPO/ Cassano punge Fitto: Ncd a Maglie e accordo con Ferrarese/ “Sto con Alfano, avanti senza rancore”/ COMUNALI/ "Primarie per Bari, no a nomi calati dall'alto o decisioni tra pochi"

I primi a cambiare casacca, sotto il ligneo soffitto del Consiglio regionale, erano stati Domi Lanzillotta e Antonio Camporeale, all’indomani dello strappo dell’ex vicecapogruppo e del molfettese Antonio Azzollini. Tuttavia, le norme in vigore imponevano almeno tre componenti per poter dar vita a eventuali raggruppamenti e a loro si sono aggiunti anche il brindisino Maurizio Friolo ed Andrea Caroppo, dalla Puglia prima di Tutto di Raffaele Fitto: “Sono dispiaciuto ma rispettoso delle scelte che i colleghi vorranno fare, però so bene che sono ben ponderate e legate a ideali di centrodestra”, chiosa il capogruppo Pdl, Ignazio Zullo, raggiunto da Affari. “L’augurio è che continui l’opposizione all’amministrazione Vendola e si apra una riflessione sul vero volto del presidente, dei partiti che lo appoggiano e sulla assenza di governo della Regione”, manda a dire all’intera coalizione. In compenso, alla mini diaspora in atto manca ancora l’ufficialità, che potrebbe arrivare già martedì, in occasione della seduta dell’Assemblea. Magari con qualche ulteriore sorpresa in fatto di nomi, dal momento che tra i papabili si fanno anche i nomi di Aldo Aloisi e Gianmarco Surico.

REGIONE/ La legge: stop a mono e minigruppi/ BUFERA BILANCIO: Greco difende De Biasi/  EX/ Zullo sconfessa Surico e attacca: "Ora un atto di dignità"

Se tra i big locali hanno fatto discutere i cambi di campo di Mario Ferorelli, nel capoluogo, e Massimo Ferrarese, a Brindisi, oltre a new entries come Claudio Sgambati o il quagliarelliano Lovascio a Conversano, le manovre vanno avanti a pieno regime. “È un’adesione che sento come un vero ritorno a casa”, aveva argomentato il presidente della circoscrizione Murat, citando la “più lucida visione tatarelliana” dell’andare “oltre il Polo”, con lo sguardo rivolto alle prossime Comunali. Saranno stati dello stesso avviso anche Romeo Ranieri, Domenico Sciacovelli e Angelo Delle Fontane, titolari di uno scranno in Aula Dalfino e ormai parte integrante della pattuglia alfaniana. Con tanto di gruppo guidato dallo stesso Ranieri. E non è detto siano gli ultimi…

(a.bucci1@libero.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ncdcassanobarigruppipdl
i blog di affari
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani
Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
di Avv. Maria Grazia Persico*
Green Pass, uno strumento di discriminazione e di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.