A- A+
PugliaItalia
3369 217147285119845 1433152263 n   CopiaBari – Anche Antonio Decaro spinge il carro di Matteo Renzi nella scalata al vertice Pd? “Continuo a credere che sarebbe un ottimo sindaco e un leader per tutto il Sud. Non ho cambiato idea perché non mi sostiene al Congresso", manda a dire Pippo Civati, sgombrando il campo da qualsiasi equivoco ma non senza una puntura finale.
 
 
In pieno countdown sulle manovre per il rinnovo delle segreterie cittadine e provinciali e a meno di due settimane dall’apertura dell’ex capogruppo in Via Capruzzi, dopo l’azzeramento del processo per il quale aveva chiesto il rito abbreviato, è il già consigliere lombardo a sfoderare l’endorsement: “Antonio Decaro è un amico e uno dei politici più talentuosi (di un talento tutto suo) che io abbia conosciuto in questi anni e al Congresso ha deciso che sosterrà Matteo Renzi, come il suo sindaco, Michele Emiliano”, spiega in un post sul proprio blog, il competitor del rottamatore fiorentino, “da Bari mi scrivono i molti amici che mi sostengono per chiedermi se a questo punto ‘porterò’ qualcun altro per la corsa a sindaco, qualcuno che poi magari mi aiuti per il Congresso nazionale”. E se pare improbabile che nella contesa della successione al Gladiatore possa esserci un nome di chiara area civatiana, la preferenza resta ugualmente accordata all’ex assessore alla Mobilità: "Anche se mi costa rinunciare a altre soluzioni in termini congressuali preferisco andare avanti così", precisa al collega di scranno in Parlamento, il quale, almeno inizialmente, aveva provato a lavorare ad un tandem tra il favorito della vigilia e l’amico monzese per la tolda di comando democratica.  
 
 
"Questo tuo attestato, così inusuale nel nostro mondo spesso pieno di rancori e ripicche, mi inorgoglisce e mi commuove", ringrazia il golden boy barese, "non lascerò che la posizione diversa nella battaglia congressuale ci divida. Anche perché ci attende una sfida più grande di cui questo congresso è solo il primo passo. Una sfida in cui saremo dalla stessa parte con tutti i migliori uomini e le migliori donne del PD e del centrosinistra: è cambiare l'Italia. Grazie, amico mio", replica in serata. Intanto, la pattuglia civatiana del Tacco annovera già una testa di serie come la titolare del Welfare regionale, Elena Gentile, ma anche l’area degli ex mariniani che fa capo ad Enrico Fusco e Patrizia Calefato. E a sciogliere la riserva in tempi brevi potrebbe essere un altro big del calibro di Guglielmo Minervini, per ora non allineato con nessuna mozione sul fronte nazionale. In compenso, sul modus del sostegno, a leggere la chiusa sibillina, il lombardo non ha dubbi: “L’atteggiamento del tipo la monge e la ponge, come dicono proprio a Bari, non fa per me”.
 
(a.bucci1@libero.it)
Tags:
pdcivatirenzicomunalidecarosindacobariemilianopetruzzelliprimarieabbaticchio
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.