A- A+
PugliaItalia
Peacelink al ministro Giannini: 'Le 11 cose non dette di Taranto'
Peacelink invia una "Lettera Aperta" al Ministro della Pubblica Istruzione, Stefania Giannini, con una sorta di Pro-memoria per Taranto:
 
LETTERA APERTA
 
"LE UNDICI COSE CHE NON LE HANNO DETTO DI TARANTO"
 
Gentile Ministro,
oggi si recherà nelle scuole nel quartiere Tamburi di Taranto, dove sono stati eseguiti alcuni doverosi interventi. Desideriamo informarla con questa lettera aperta sulla situazione di Taranto e delle scuole che lei visiterà. 
Giannini Stefania
 
 
1) Agli studenti delle scuole medie superiori nel 2013 è stato vietato di trasferirsi nel quartiere Tamburi per i rischi ambientali. 
 
2) Nonostante i ragazzi da 14 anni in su non possano frequentare le scuole dei Tamburi (per ordine della Provincia, precisamente del Commissario nel 2013), i bambini dai 14 anni in giù (con il consenso del Comune) la possono frequentare. Ciò che è giudicato pericoloso per i ragazzi non lo è per i bambini. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
 
3) Per evitare l'inquinamento la ASL di Taranto ha scritto che  è preferibile cambiare l'aria nelle abitazioni fra le ore 12 e le ore 18. Questa è la linea guida della ASL per tutelare i bambini. In teoria quindi l'aerazione delle aule dovrebbe avvenire dopo le ore 12 e non prima. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa. 
 
4) Ogni volta che si fa un'assemblea di genitori in una classe c'è almeno una persona che soffre in silenzio. Infatti nel quartiere Tamburi una persona ogni 18 abitanti ha un tumore. E' un dato deducibile dai tanti che hanno il "codice 048" che significa "diagnosi di cancro". Quanto soffrono i bambini? Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa. 
 
5) Durante i Wind Days (i giorni in cui il vento viene dall'area industriale) il rischio di ictus e infarti mortali aumenta nei quartiere Tamburi. E' tutto documentato in uno studio epidemiologico del Centro Ambiente e Salute della Regione Puglia. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
 
peacelink TA
 
6) A Taranto l'incidenza dei tumori infantili è del 54% superiore rispetto alla media regionale. Lo dice lo studio Sentieri. Ci sono bambini nati con un tumore alla prostata, altri con due tumori, a entrambi i reni. Nel sangue dei bambini c'è piombo. Nel latte delle mamme c'è diossina. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
 
7) Attorno all'ILVA per la diossina è vietato il pascolo libero nei terreni incolti per un raggio di 20 chilometri per ordine della Regione Puglia. E sono vietate le cozze del primo seno del Mar Piccolo, lo specchio d'acqua su cui si affaccia il quartiere Tamburi. Per anni ci avevano detto che era tutto sotto controllo e che la situazione migliorava. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
 
8) Nel quartiere Tamburi i giardinetti sono così contaminati che è vietato ai bambini toccare la terra. Non sono stati bonificati. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
Peacelink TA Munch
 
 
9) Le acque della falda superficiale e di quella profonda sotto l'ILVA risultano contaminate dai metalli pesanti oltre i limiti di legge. E continuano a defluire verso il mare. I pozzi sono avvelenati. Attualmente non vi è alcuna messa in sicurezza d'emergenza della falda, come la legge prescrive. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
 
10) Ogni anno a Taranto si perdono 1340 anni di vita rispetto alla media regionale perchè gli anziani muoiono prima. Molti bambini che lei vedrà hanno perso i nonni prima di quanto accade nel resto della Puglia. L'aggiornamento dello studio epidemiologico coordinato dal dottor Francesco Forastiere, presentato alcune settimane fa fornisce dati sanitari gravissimi. Lo “Studio di coorte sugli effetti delle esposizioni ambientali ed occupazionali sulla morbosità e mortalità della popolazione residente a Taranto” conferma che dopo i decreti salva-Ilva la gente ha continuato a morire e ad ammalarsi oltre la media regionale. I dati arrivano al 2014 e dimostrano che tutte le rassicurazioni fornite allora si basavano sulla propaganda e non sulla scienza. Nessuno studio epidemiologico, per quanto aggiornato, fornisce oggi una situazione accettabile. Lo "Studio Forastiere" ha fornito un ulteriore dato drammatico. Infatti i bambini del quartiere Tamburi finiscono più spesso in ospedale se sono residenti a Tamburi. +24%. I bambini che lei vedrà si ammalano di più degli altri. Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
 
non un altro bambino
 

11) E' bene che lei sappia infine un'ultima cosa: il quartiere Tamburi è nato PRIMA dell'acciaieria. Vi sono stati uomini di governo che hanno detto il contrario, e i cittadini si sono sentiti offesi. Si sono sentiti colpevolizzati come se avessero costruito abusivamente le loro case accanto alla fabbrica mentre è stata la fabbrica a sorgere vicino alle case. Le case esistevano prima dell'acciaieria e sono state costruite dallo Stato negli anni Cinquanta (e anche prima) con i programmi di edilizia popolare. Eppure periodicamente la "bugia seriale" rispunta. Perché? Giudichi lei e ci dica cosa ne pensa.
 
Queste sono le undici cose che le volevamo dire di Taranto e che - molto probabilmente - non le hanno detto a Roma.
 
Al posto di scene di applausi e clamori, vorremmo un suo gesto sobrio, un discorso che comprenda anche le scuse. Lei oggi visita una città martire.
 
Per PeaceLink
 
Antonia Battaglia - Fulvia Gravame - Luciano Manna - Alessandro Marescotti
Iscriviti alla newsletter
Tags:
peacelink taranto ministro stefania giannini cose non dettepeacelink ministro giannini taranto
i blog di affari
Parte dal Webinar la difesa dei contribuenti
SERVONO EUROPROGETTISTI, BANDI NEL DIGITALE E PER PROGETTI ECOSOSTENIBILI
Boschiero Cinzia
Green Pass, le manifestazioni pacifiche possono far cedere il regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.