A- A+
PugliaItalia
Primarie, il passo indietro di Vendola: “Conclusa una stagione”

Bari – “Non fuggo dalla Puglia, ma un leader politico che non capisce che c'è un tempo per fare un passo indietro è un leader pericoloso”, spiega ai suoi Nichi Vendola, annunciando la volontà di non correre per un terzo mandato. Il Governatore chiude un ciclo e lo fa davanti allo stato maggiore di Sel, riunito in Fiera del Levante: “Dieci anni costituiscono una traiettoria lunga, una stagione che si è conclusa e sono sufficienti per dare il segno di un'amministrazione virtuosa. Abbiamo dato un'anima alla Puglia”.

Minervini decide, Vendola designa/ Stefàno alle primarie: "Non temo Emiliano"/ Nodo Gentile: “Non candidabili gli ultimi eletti”

Una staffetta ipotizzata a lungo e diventata certa dopo la candidatura alle primarie del suo ex assessore all’Agricoltura, Dario Stefàno, primo tra i papabili a sinistra del Pd e con l’ambizione di essere il nome dell’intera coalizione: “Hai ispirato la Puglia migliore, grazie per il coraggio che ci hai insegnato. Ora avanti con il cambiamento, insieme ai pugliesi”, tributa al Rivoluzionario Gentile il senatore salentino. Ancora presto, invece, per sapere se il Masaniello terlizzese si ritaglierà un ruolo di servizio, magari come capolista del partito in una delle circoscrizioni: “Credo che per me sia giunto il momento di servire e amare questa regione con un altro ruolo”, si limita a dire il diretto interessato e chi immaginava un ultimo derby tra i due capostipiti della Primavera Pugliese, Nichi e Michi, Vendola ed Emiliano, sarà rimasto deluso. “Pensare di essere indispensabili sarebbe segno di presunzione ed è ora che una nuova generazione sia chiamata a questa prova”, saluta Nichita il Rosso.

Ha sfilato per due volte ai democratici la nomination per Lungomare Nazario Sauro e giocato di rimessa negli anni, tanto da far definire “vendoliani” gli assessori dem che meglio ne interpretavano la linea, e allo stesso tempo frenato sull’archiviazione prematura del proprio governo, mentre il Gladiatore suonava la carica e avrebbe fissato i gazebo già per metà ottobre. E forse non è un caso che i tre nomi in campo - candidati o sondati - per contendere all’ex Sindaco di Bari il miglio determinante per tentare la successione provengano tutti dai banchi del suo esecutivo: il presidente della Giunta per le Immunità parlamentari ma anche Elena Gentile e Guglielmo Minervini, che ha attraversato entrambe le amministrazioni e potrebbe erodere consensi tanto a Emiliano, per via dell’aplomb differente e di coloro che non vorrebbero lasciargli praterie deserte. Quanto a Stefàno, giocando sui malumori di alcune parti di Sel e sul comune passato politico cattolico moderato.

 Gentile e Minervini in corsa? / Primarie il 30 novembre. Emiliano: “Uniti verso il futuro”/Sfottò dei vendoliani sugli incarichi

Eppure, un assente illustre - al passaggio di consegne - c’era: Onofrio Introna, compagno di molte battaglie ed ora più distante, dopo l’esclusione di Pierluigi dalla Giunta barese e lo scambio di battute sulla Tap con la deputata Pannarale. “Non andrò all’assemblea perché l’ho detto e lo ripeto: non sono mai stato iscritto a Sel, recitando sempre il ruolo di alleato e sostenitore dell’azione di Vendola” e “può essere che questo mi sia costato perché sono sempre stato tenuto fuori dalle scelte di Sel in termini organizzativi e politici”, aveva affidato ai social nel pomeriggio. Nessuna polemica ma dal Presidente del Consiglio neppure garanzie al poeta che battè Raffaele Fitto: “Io vado avanti con un progetto che è quello di ricompattare l’area riformista, socialista e ambientalista”.

(a.bucci1@libero.it)

Foto: Lettera43

Tags:
vendolaprimarieselstefànoemilianopuglia
i blog di affari
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.