A- A+
PugliaItalia
La Puglia trionfa alla 48esima edizione del Vinitaly

Di Chiara Giulia Micoccio

Inaugurata a Verona la 48esima edizione del Salone internazionale dei vini e distillati. La manifestazione, punto di riferimento più dinamico e qualificato per la promozione commerciale e culturale del comparto vitivinicolo, è in programma fino al 9 aprile a Veronafiere insieme a Sol&Agrifood ed Enolitech e ospita oltre 4.100 espositori su una superficie di 100mila mq.

Vinitaly riesce ad attrarre a Verona ogni anno una media di oltre 140mila visitatori, di cui oltre 50mila sono operatori esteri provenienti da 120 Paesi.

Una crescente internazionalizzazione e una particolare attenzione al panorama delle produzioni biologiche sono i temi sensibili di questa edizione: Vininternational, International Buyers' Lounge e Vinitalybio, infatti, le novità assolute di quest’anno.

Puglia Bio/ Focus sui vini pugliesi biologici

Freccia Rosso non solo negroamaro, ma una vera battaglia per il Sud

Al padiglione 11 una Regione Puglia, che trionfa con le sue 120 aziende partecipanti, attraendo sempre più visitatori da tutto il mondo tra turisti, esperti del settore ed  enoappassionati. La Puglia, ancora una volta, sta dimostrando di saper fare nel settore vitivinicolo presentando, per l’occasione, la sua miglior offerta enoturistica con un ricco programma di attività messo a punto dall’Assessorato alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, in collaborazione con Unioncamere Puglia.

All’interno del padiglione Puglia immancabile l’area di degustazione dei vini pugliesi nell’Enoteca dei vini della Puglia, curata dall’Ais Puglia (Associazione Italiana Sommelier), per conoscere e degustare le etichette dei territori enoici del Salento, della Daunia e Alta Murgia, della Bassa Murgia e della Valle d’Itria. Numerosi gli spazi dedicati alle degustazioni a cura di ONAV Puglia (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) e uno spazio curato dal Movimento Turismo del Vino e caratterizzato da incontri one-to one tra i produttori pugliesi e importanti firme del giornalismo e blogger di settore. Molta l’attenzione e la visibilità data ai vini biologici.

Alla presenza del Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina, del Presidente della Commissione agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo Paolo De Castro, del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, del Presidente della Provincia di Verona Giovanni Miozzi, del Sindaco di Verona Flavio Tosi, di Ettore Riello e Giovanni Mantovani, Presidente e Direttore generale di Veronafiere si sono aperti i lavori di questa importante kermesse enologica.

Durante l’inaugurazione si da il via anche alla cerimonia del Premio Cangrande ai “Benemeriti dell’enologia italiana”. Per il 48esimo Vinitaly, l’insegna di Cangrande per la Puglia è stata assegnata a Giuseppe Di Maria. Altro importante riconoscimento per la Puglia il premio speciale Vinitaly Nazione 2014, assegnato alla Cantina Due Palme di Cellino San Marco, un premio assegnato al produttore di ogni nazione che ha ottenuto il maggior punteggio calcolato dalla somma delle valutazioni riferite ai migliori tre vini insigniti del diploma di “Gran Menzione”.

Paolo De Castro, Presidente della Commissione agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo:

“Dopo i successi del 2013, superati i cinque miliardi di esportazioni, il settore vinicolo sta dimostrando grande capacità di conquistare nuovi mercati. Abbiamo e dobbiamo avere margini di miglioramento e per fare questo cercheremo, in Europa, a Bruxelles, di incentivare l’evoluzione del comparto vitivinicolo. Oggi possiamo dire che abbiamo regole europee più attente ai nostri prodotti. Dobbiamo difendere di più l'Italia, il made in Italy. I trentattre miliardi di euro di export sono un dato rilevate, ma dobbiamo creare uno spazio di crescita e per crescere dobbiamo saper difendere i nostri prodotti e lo potremo fare se saremo uniti in difesa della nostra identità e della nostra cultura per far crescere il fatturato, le  esportazioni, l’occupazione”.

Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto:

“È doveroso che questa vetrina sia qui, a Verona, perché il Veneto rappresenta una produzione importante di vino, dove su 9 milioni di ettolitri 4 milioni sono doc e igp. C’è grande necessità a sburocratizzare il sistema vitivinicolo. Occorre battere i pugni in Europa per difendere la nostra identità, perché nei mercati internazionali si vende il vino che riesce a garantire il binomio con il territorio.”

Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole:

“Occorre costruire innovazione e guardare oltre, occorre potenziarsi. Possiamo trovare le radici del riscatto italiano in questa esperienza del vino. Se in altri comparti avessimo avuto il buon senso dimostrato nel settore vinicolo ci sarebbe stata una svolta per il nostro paese. La storia di questi anni, i numeri maturati, ci indicano che l'Europa può essere un'opportunità per noi. Noi dobbiamo costruire grandissime operazioni strategiche per rinforzarci sui mercati internazionali, insistere sulle aggregazioni, dobbiamo renderci consapevoli che l'unione fa la forza senza rinunciare al proprio tratto identitario. L'aggregazione rafforza le nostre identità. Dobbiamo lavorare ancora molto perché abbiamo altri orizzonti commerciali da presidiare. La variabile tempo per le istituzioni non è una variabile ida trascurare. Nel mondo globalizzato il rapporto spazio-tempo fa la differenza. Sburocratizzare e semplificare vuol dire riuscire a competere. Prendo l’impegno per fare quello che posso per dematerializzare le incombenze burocratiche e per combattere senza sosta l'italian sounding. Abbiamo realizzato cose importanti, ma non ci possiamo accontentare, bisogna perfezionarsi. Nei prossimi cinque anni possiamo fare un più 50%, ma dobbiamo puntare di più sulla qualità superando anche il gap della scarsa presenza nelle nostre aziende delle nuove generazioni. La Pac ci può essere d'aiuto per incentivare le nuove generazioni. C’è la consapevolezza che dall'agroalimentare e dal vitivinicolo passa il riscatto dell'Italia. Ringrazio i produttori per il grande lavoro e mi impegno con tutte le forze in prima persona perché questo possa essere sempre di più un lavoro si squadra”.

Tags:
pugliavinitay
Loading...
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Perché la monarchia inglese non è in discussione?
Di Ernesto Vergani
Contributi decreto sostegni: attenzione ai rischi penali
Ricordate "andrà tutto bene" sui balconi? Sì, è così per la classe dominante
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.