A- A+
PugliaItalia
Rifiuti, Sergio Blasi (Pd) Lettera aperta a Emiliano

La lettera aperta di Sergio Blasi a Michele Emiliano, e l'indicazione che la chiusura del ciclo dei rifiuti è una questione di coraggio e di volontà politica.

Gentile presidente Emiliano,

sono ormai decenni che in Puglia si parla della chiusura del ciclo dei rifiuti. Si tratta di un impegno che le passate amministrazioni regionali non sono riuscite ad onorare nonostante le promesse. Oggi tocca alla sua affrontare e risolvere il problema. L’occasione per farcela, finalmente, è data al Patto per la Puglia: oltre 700 milioni, frutto dell’intesa istituzionale tra la Regione e il Governo Centrale, da spendere entro il 2017 su due fronti: la depurazione delle acque e la chiusura del ciclo dei rifiuti.

blasi sergio8
 

Come è noto ormai a tutti, su questo fronte il problema sono gli impianti di compostaggio. O meglio: la carenza di questi impianti nella nostra regione. Ad oggi non esiste un impianto pubblico che svolga questa funzione e se la situazione è questa, è inutile nasconderlo, è legittimo che i cittadini pensino che c’è una volontà politica di non riformare il sistema. O di farlo a ritmi lentissimi, per non sottrarre improvvisamente economie al settore delle discariche e degli inceneritori che ancora oggi è imperante.

In alcune città, come a Lecce, ci si trova in una situazione paradossale: i cittadini differenziano e l’amministrazione conferisce in discarica. Questo avviene anche perché non c’è la possibilità, per i pochi impianti (privati) di compostaggio pugliesi, di accogliere i rifiuti di un bacino enorme. A pensar male si potrebbe notare anche che le inefficienze della differenziata sono funzionali alla sopravvivenza del sistema precedente, quello che all’esito della raccolta prevede la discarica o l’inceneritore. Ma il punto qui è un altro: come si esce dall’empasse? Se la nuova Agenzia Regionale dei Rifiuti procede a rilento, se le Oga nel precedente assetto organizzativo, in particolare a Lecce, si sono lasciate sfuggire milioni di euro di finanziamenti europei non riuscendo a costruire un impianto di compostaggio, se i comuni restano appesi alla disponibilità eventuale degli impianti di compostaggio privati, cosa si può fare, in attesa di quella rivoluzione del sistema troppe volte annunciata e mai realizzata?

Emiliano Blasi
 

Io faccio la mia proposta: ristrutturare le piattaforme per la selezione dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata presenti in tutta la Regione. Nel Salento si trovano a Ugento, Melpignano e Campi Salentina. Quegli impianti, costruiti con soldi pubblici e mai entrati in funzione (o che hanno funzionato per brevi periodi), avrebbero certamente bisogno di una ristrutturazione, ma nel giro di 6 - 8 mesi sarebbe possibile trasformarli in impianti di compostaggio aerobico funzionanti a pieno regime, in grado di assorbire il rifiuto umido del proprio bacino di riferimento. E soprattutto, la gestione di quegli impianti resterebbe in mani pubbliche.

Se oggi infatti scontiamo un ritardo anomalo rispetto a territori più avanzati è proprio perché i nuovi impianti di compostaggio sottrarrebbero tonnellate di rifiuto (e dunque guadagno) a quelle realtà che gestiscono discariche e inceneritori. E che - è inutile nasconderlo - esercitano potenti pressioni sulla politica a tutti i livelli, perché dalle decisioni istituzionali dipendono i loro guadagni.

20161227 emiliano a sopralluogo discarica Burgesi Ugento 2
 

Nelle sedi istituzionali l’ipotesi che va per la maggiore è quella di consentire a biostabilizzatori e discariche private di trasformare, con soldi pubblici, i loro impianti. Ciò permetterebbe di convertirli in impianti di compostaggio anaerobici dai quali produrre, grazie ai gas prodotti dal rifiuto umido, energia elettrica (come se in Puglia non ne producessimo già abbastanza). Io sono convinto che una soluzione del genere, nella quale l’attenzione per il business privato è ancora prevalente rispetto a quella per il bene comune, non consentirebbe di cambiare il sistema in tempi brevi, come è necessario, né garantirebbe appieno l’interesse pubblico per uno smaltimento sostenibile dei rifiuti.

emergenza rifiuti roma
 

In conclusione aggiungo un altro pensiero: accanto all’azione della Regione occorre che anche i singoli Comuni comincino ad osare. È necessario infatti incrementare la diffusione e l’utilizzo delle compostiere di comunità, in modo da destinare una parte della raccolta direttamente alla produzione di compost in loco. Esperimenti come quello di Melpignano sono in grado di liberare il sistema dello smaltimento di una quota significativa di organico. Ma è necessario che vengano applicati e realizzati su larga scala. Personalmente sono stanco di veder segnalare come felici eccezioni esperienze come quella realizzata nel mio Comune. Dovrebbero essere la norma, anche grazie al sostegno regionale.

Al di sopra di ogni azione che possiamo intraprendere per migliorare il modo in cui smaltiamo e riutilizziamo i nostri rifiuti c’è, dunque, la voglia di cambiare rotta e il coraggio di provarci. Mi auguro che presto questa voglia e questo coraggio arrivino anche in Giunta regionale imponendo la responsabilità di intervenire nel settore laddove oggi si registra, lo dico con rammarico, la stessa indolenza, mista alla volontà di non cambiare nulla, che sul tema dei rifiuti ha caratterizzato le giunte precedenti.

---------------------------------

Pubbl8icato sul tema: Casili (M5S): “La Regione intervenga sulla gestione del ciclo rifiuti"

Tags:
rifiuti sergio blasi michele emiliano lettera apertaciclo rifiuti puglia blasi emiliano scorie
i blog di affari
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.