A- A+
PugliaItalia
Open

OPEN, la rete di persone e di progetti che vogliono assumersi la responsabilità politica e sociale di rappresentare la continuità nel cambiamento politico delle prossime elezioni regionali, è entrata nel vivo delle sue attività. 

Dopo aver avviato una serie di incontri su tutto il territorio pugliese per incrociare nuove esperienze, tutti in case o luoghi privati che per la prima volta si sono aperti a una dimensione pubblica, OPEN passa alla fase due. L'elaborazione dei contenuti ispirata ai valori dell'innovazione, della sostenibilità, della cooperazione e della partecipazione come risposta alla crisi.

Si parte dal tema del welfare. Guglielmo Minervini lo introduce così: "In questi anni in Puglia è stata realizzata una massiccia azione di infrastrutturazione sociale. L’acuirsi della crisi e la drastica riduzione delle risorse pubbliche impongono oggi di battere strade nuove nell’ambito della solidarietà diffusa, del mutuo aiuto comunitario. È tempo di welfare di comunità".

Open SVito

Partendo da queste provocazioni, all'ExFadda di San Vito dei Normanni è stato aperto un cantiere di lavoro. Dove si è riunita la prima comunità di sviluppo, per elaborare un elenco di proposte concrete con cui dare nuovo slancio all’esperienza di governo della Puglia.

“Funziona”, ha sottolineato Minervini con soddisfazione a fine lavori, “Metti insieme una cinquantina di protagonisti dell'azione sociale pugliese e una sfida comune: non arrendersi a un welfare che si limiti a ratificare, in un tempo di risorse scarse, quote crescenti di esclusione dei deboli”.

Ed ha aggiunto: “Insomma, come sperimentare in Puglia un welfare che arricchisca le politiche pubbliche con le enormi risorse solidali della comunità: le 2.000 associazioni di volontariato, 3-400.000 cittadini che impegnano il loro tempo per cause comuni, gli oltre 100 milioni di euro che i pugliesi donano per buone cause. Un nuovo welfare in cui le risorse pubbliche si moltiplichino con quelle diffuse della comunità”.

“Un welfare di comunità”, ha concluso, “in cui tutti i cittadini siano chiamati a mettersi in gioco per rispondere alla domanda dell'altro. Accendi l'interruttore del pensiero e le idee vengono alla luce. Questo è accaduto a San Vito, nel laboratorio dell'Ex Fadda. La prima comunità di sviluppo di Open è partita. E la nostra voglia di continuare a innovare nel laboratorio Puglia, pure. La politica come un ragionamento allargato, pubblico sulle sfide comuni funziona. Eccome!”

I lavori, tutti gli appuntamenti e le storie sono raccolte sulla pagina facebook: Open - La politica fatta in casa.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
minerviniopenwelfarecomunitàcittadinanzaelezionipuglia
i blog di affari
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.