A- A+
PugliaItalia
Salento, Parco di Porto Selvaggio Un patrimonio da valorizzare

L'ineasauribile ricchezza del patrimonio pugliese continua a produrre incanto, sorpresa e stimoli come contributi spontanei ad una carica attrattiva, che ha decisamente pochi eguali sul palcoscenico turistico-ambientale internazionale. Dal Salento ancora una testimonianza di opportunità in questo avvio del 2017.

porto selvaggio4
 

L'assessore regionale Loredana Capone ha effettuato un sopralluogo tra le emergenze del Paleolitico all'interno del Parco di Porto Selvaggio insieme con il sindaco di Nardò, Giuseppe Mellone, e l'ex Assessore alla Cultura, Mino Natalizio.

"Uno scenario - ha detto la Capone - di infinita bellezza fatto di un paesaggio naturale unico, che si incastona in una dimensione storica e culturale che possiamo far diventare culla di un'esperienza turistica densa e significativa. Si tratta del Parco di Porto Selvaggio in cui le emergenze paleolitiche si sommano alla bellezza dei luoghi e del mare".

"C'è una parte significativa del patrimonio culturale della Puglia poco conosciuto e ancora meno valorizzato - ha sottlineato l'assessore - e riguarda le emergenze risalenti al periodo Paleolitico e Neolitico. Le attività di scavo e le ricerche riportano alla luce reperti e storie di struggente suggestione. Una parte importante di questo patrimonio si concentra sulla costa neretina tra la Torre dell'Alto e Torre Uluzzo nello straordinario contesto ambientale e naturalistico di Porto Selvaggio".

porto selvaggio baia
 

"Qui scava da anni, animata da grande passione e competenza, Filomena Ranaldo dell'Università di Siena che, questa mattina, ci ha guidato nel sopralluogo voluto dall'Amministrazione Comunale per approfondire dimensioni e caratteristiche scientifiche del patrimonio preistorico e del territorio Neretino, e valutare le strategie di valorizzazione con il patrimonio naturalistico e ambientale di Porto Selvaggio, la civiltà rurale concentrata nelle antiche masserie, l'istituendo museo della Preistoria e lo straordinario centro storico di Nardò".

"Ogni iniziativa - ha precisato Capone - dovrà essere coerente con la pianificazione strategica proposta nel bando del Ministero dei Beni culturali sulla valorizzazione della Progettualità Culturale, di cui Nardò è comune capofila dell'aggregazione Arco Ionico e per la quale è imminente l'esito della apposita commissione di valutazione".

Nel frattempo - ha proseguito - bisogna agire con gli strumenti a disposizione, ma senza perdere di vista il contesto generale. Una grande opportunità è offerta dal bando della Regione Puglia relativo alla Valorizzazione degli Attrattori Culturali e Naturali. Il Comune è chiamato a mettere in campo una progettualità capace di tenere insieme esigenze di tutela del Patrimonio con quelle di Valorizzazione e Fruizione Culturale e Turistica del territorio".

Capone albero
 

La parola d'ordine è riuscire a tradurre in valore economico e in occupazione, l'imprenscindibile valore culturale ed ambientale del territorio.

L'incontro si è concluso con l'impegno del sindaco Mellone a convocare a breve un tavolo con tutti i soggetti istituzionali coinvolti nella gestione del Parco e nelle attività di scavo. Al sopralluogo erano presenti anche il consigliere Paolo Maccagnano e altri consulenti e tecnici dell'Amministrazione Comunale.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
salento porto selvaggio parco loredana caponesalento porto selvaggio ptrimonio valorizzare sopralluogo
i blog di affari
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.