A- A+
PugliaItalia
Stefàno Catania

L’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Dario Stefàno, coordinatore  Commissione Politiche agricole della Conferenza Stato-Regioni, non risparmia critica e attacco al ministro Mario Catania e al suo dicastero, che sulla questione nitrati - secondo una nota del ministro Clini - sembrerebbero essere responsabili dell'emergenza in atto.

“Quella dei nitrati è una questione paradossale: ministri di un governo tecnico chiamati a dare risposta ai problemi dell'agricoltura e dell'Italia non riescono a fare di meglio che creare nuovi problemi al sistema.

"Oggi è il turno dei nitrati - continua l'assessore salentino - oltre a guadagnare la ennesima figuraccia in Europa, attraverso una Legge che non è  stata accompagnata da una indispensabile azione di negoziato con la Commissione, porteremo a casa una procedura di infrazione, che prospetta all'Italia il pagamento di pesanti sanzioni ed il rischio concreto che i nostri agricoltori perdano i contributi comunitari e, addirittura, debbano restituire quelli già incassati".

"Ad ammettere questa ipotesi è il ministero per l'Ambiente con una nota indirizzata alla Conferenza delle Regioni, nella quale riconosce gli errori del governo in fase di adozione e attuazione della norma e chiede oggi alle Regioni di intervenire in aiuto, prospettando la strada della elusione della disposizione scritta male ed approvata con il consenso del governo.

clini

Incontenibile lo sfogo di dario Stefàno: "Ancora una volta le Regioni e gli agricoltori sono penalizzati da una politica autoreferenziale che ha rifiutato il confronto e che è stata condizionata quasi esclusivamente dall'interesse personale di ministri tecnici che hanno cercato, e qualche volta ottenuto, candidature in Parlamento. E che nell'ultimo anno hanno dimenticato di seguire l'iter applicativo delle disposizioni approvate con il loro consenso. Le Regioni più penalizzate sono l'Emilia Romagna, il Veneto, il Piemonte e la Lombardia per le quali, peraltro, vi era una deroga comunitaria che la legge nazionale ha inspiegabilmente cancellato".

"Al decreto sviluppo bis, condiviso dal Governo nazionale (Catania in primis), che tutto ha creato tranne che sviluppo e crescita, si aggiunge la nota del Ministero dell'Ambiente che, oltre a prospettare la violazione delle norme, annulla la possibilità che le Regioni possano rivedere, nei tempi tecnici necessari e con le dovute valutazioni tecniche, i propri piani di azione attraverso cui includere finalmente altre zone ad alta vulnerabilità, e condividere con altri soggetti potenzialmente interessati, come l'industria, il peso delle norme di condizionalità".

"Se questo è il risultato del lavoro dei tecnici", conclude Stefàno, "è bene che la politica si riappropri subito della guida del Paese".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
stefànocataniaclinidecretonitratiagricolturaeuropa
i blog di affari
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.