A- A+
PugliaItalia
Trani, parte il progetto pilota di medicina territoriale

Siglato un Protocollo d'intesa tra il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il Sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, e il Direttore Generale della ASL BAT, Ottavio Narracci, per la realizzazione a Trani di un progetto pilota di medicina territoriale. Alla conferenza stampa ha partecipato anche l’assessore regionale all’Ambiente, Domenico  Santorsola.

Trani ospedale
 

Il primo passo verso un modello, che potrebbe essere ripreso anche in altre realtà sanitarie della Puglia: “Vorrei ringraziare l’intera comunità di Trani - ha dichjiarato Michele Emiliano - che ha preferito, immediatamente e con intelligenza, utilizzare gli ingenti finanziamenti disponibili per la strutturazione della medicina del territorio. Attraverso il protocollo di intesa che oggi sigliamo si intende soddisfare esclusivamente la domanda dei pazienti”.

“È per noi questa una giornata davvero di particolare importanza - ha aggiunto Emiliano - perché anche se sembra un comune protocollo di intesa, in realtà siamo di fronte ad un capoluogo di provincia che sta collaborando con la Regione Puglia e con la Repubblica italiana e sta applicando il DM 70. Tutte le città oggetto di riconversione ospedaliera hanno una sorta di diritto prioritario a vedere strutturati i servizi  innovativi di tipo territoriale, in modo tale da consentire una diagnostica rapida ed una facilità di accesso a tutte le categorie dei cittadini, anche quelli più disagiati. Trani è partita per prima e ne avrà tutti i vantaggi possibili. Il segreto di questa operazione - ha continuato il Presidente - è quella di utilizzare una struttura ancora in vita, una struttura che non deve essere riattata”.

Santorsola4
 

“Gli ospedali non si chiudono, si convertono - ha sottolineato Emiliano - non ci sono più i posti letto, ci sono servizi territoriali poderosi per la diagnosi, ci sono gli accordi con i territori su cosa è più utile e ci sono gli investimenti per centinaia di milioni di euro per riconvertire gli ospedali in ambulatori polifunzionali che sono la modernità. Noi in Puglia, abbiamo ancora 39 ospedali, diventeranno 31, ma nel giro di pochi anni probabilmente scenderemo alla metà perchè gli ospedali sono costosi e se sono troppi, rischiano di essere insicuri e pericolosi".

"Servono pochi ospedali ben fatti, molta medicina del territorio e molta telemedicina", ha concluso il Governatore, "Trani oggi costituisce un bell’esempio da imitare ed esportare anche in altri territori con storie diverse, come ad esempio Grottaglie”. 

Trani ospedale spigoli
 

L’assessore all’Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, ha letto il protocollo d’intesa, dal punto di vista di operatore della sanità e lo ha descritto come “una pietra miliare”.

“Il protocollo è una vera e propria pietra miliare dal punto di vista politico perché ottempera a quella che è una necessità organizzativa di riordino che viene dal governo centrale, e quindi pur dovendo chiudere le strutture ospedaliere in alcune città importanti come Trani, riesce a trovare il modo per dare un orientamento politico serio che non scontenti la comunità. Contemporaneamente questo protocollo, che può essere preso d’esempio anche da altre asl, non solo pugliesi, toglie finalmente la centralità dell’ospedale, riuscendo a dare  un’offerta sanitaria ottima, completa tecnologicamente avanzata, ma che soprattutto duri 12 ore al giorno, anche in assenza di ricoveri veri e propri”.

Trani narracci
 

Per il direttore generale della Asl BAT, Ottavio Narracci, “Quello che abbiamo presentato oggi è un modello di eccellenza di sanità territoriale, che potrà sicuramente fungere da modello per altre esperienze. Quella di Trani è una struttura pienamente operativa, già oggetto di importanti opere di riqualificazione e ristrutturazione e ora potrà essere il reale punto di riferimento dei cittadini per il 70 per cento delle loro esigenze di assistenza, quasi mai ospedaliere. Il protocollo ci vede direttamente impegnati, non solo da un punto di vista organizzativo-gestionale, ma anche da un punto di vista economico. Il modello di assistenza a cui daremo forma con tempi brevi e cadenzati è risultato di un lavoro di collaborazione con la direzione del distretto socio-sanitario e con i tecnici del Comune di Trani”.

Trani Bottaro
 

“Nulla è casuale. Quello che si sta realizzando oggi è frutto di una perfetta sinergia tra l’amministrazione comunale e la Regione Puglia, insieme con la direzione generale della Asl BT - ha aggiunto il sindaco della città di Trani Amedeo Bottaro - il protocollo d’intesa siglato questa mattina rappresenta l’inizio di un nuovo capitolo nella storia della nostra città. Sulle ceneri di un ospedale chiuso da troppo tempo senza valide alternative, costruiamo un sistema di salute territoriale innovativo e di eccellenza”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
trani progetto pilota medicina territorialetrani michele emiliano ospedale amedeo bottarotrani ospedale ottavio narracci domenico santorsola
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.