A- A+
PugliaItalia
Turismo, De Carlo - Asshotel/Confesercenti: "Bene gli stranieri, male il mercato interno"

BARI  - "Il turismo italiano che sceglie l’Italia come meta vacanziera è in calo. Tiene bene quello straniero". Esordisce così Francesco De Carlo, presidente di Asshotel/Confesercenti della provincia di Bari e dell’Associazione albergatori e ristoratori di Alberobello, la capitale del turismo giapponese ai vertici della classifica nazionale quale città turistica del Sud con circa 1,5milione (valore sottostimato) di presenze all’anno.

"Alla fine di maggio - aggiunge De Carlo - si è registrato poco più del 2% di stranieri, sebbene la Regione Puglia abbia annunciato il 4%. I turisti italiani, a causa del maltempo che ha interessato tutti i weekend di primavera e del periodo di Pasqua, sono calati del 4-4,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente".

Il mood che si registra tra gli operatori non è brillante. "Benchè la partenza della stagione turistica sia stata condizionata dal maltempo, i flussi verso il territorio a sud di Bari compresa la Valle d'Itria, sono in leggero aumento. Il polo del lusso di Fasano/Savelletri a giugno ha registrato un aumento del 6%, le altre tipologie si sono attestate su +2-3%. Sono in sofferenza le aree salentine e del Gargano" spiega De Carlo, che fa notare come "la crisi attanagli le strutture di fascia bassa, costrette ad applicare tariffe ulteriormente scontate".

clan costa salento 300x225
 

La situazione così tracciata da Francesco De Carlo mostra un andamento a macchia di leopardo, che tra l’altro denota un cambio di abitudini del turista che riduce il budget e i tempi di permanenza (da 5 a 4 giorni), favorendo le scelte lowcost condizionate anche dalle variazioni climatiche di un’estate anomala.

Pugliapromozione, l’agenzia regionale per il turismo, ha diffuso i dati riferiti ai primi mesi del 2014. De Carlo li prende con le pinze: "Ciascuno spiega e interpreta come vuole", commenta, ‘Un dato è incontrovertibile: quest'anno, in Puglia e più in generale in Italia, se i dati saranno positivi quasi certamente saranno legati alla crescita del mercato estero, che nella nostra regione si attesta sul 18% del totale, ma in numeri assoluti il suo incremento non è sufficiente a sostituire il mercato interno. L'aumento del 5%, sul 18% annunciato, è alquanto basso, in confronto alle potenzialità dei flussi di massa italiani e non è sufficiente a salvare la nostra economia".

Il turismo secondo de Carlo non è fatto soltanto di ospitalità e di dati sui pernottamenti. ‘Se consideriamo solo il punto di vista alberghiero i riscontri sono incoraggianti, ma se allarghiamo lo sguardo a tutta la filiera il dato è meno positivo. Gli alberghi tre stelle offrono più di quanto spetti alla loro categoria (bici, escursioni) e nell’ultimo periodo hanno fatto investimenti per migliorare la qualità dell’accoglienza consapevoli che il turista straniero è molto più attento a questi aspetti. Ma il fatturato non li premia. Quindi, decisive – per il futuro turistico della Puglia – diventano le politiche turistiche sinergiche e integrate e la programmazione concertata".

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
assohotel confesercentiturismde carlopugliastranieri
i blog di affari
Parte dal Webinar la difesa dei contribuenti
SERVONO EUROPROGETTISTI, BANDI NEL DIGITALE E PER PROGETTI ECOSOSTENIBILI
Boschiero Cinzia
Green Pass, le manifestazioni pacifiche possono far cedere il regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.