A- A+
PugliaItalia


Egregio Direttore,
stamani mi sono recata presso il mio laboratorio di fiducia, che segue da anni mio marito affetto da tumore. Mi hanno detto che devo andare in ospedale per eseguire le analisi perchè solo lì non pagherei il ticket. Mio marito ha sempre ususfruito delle prestazioni perchè è esente per patologia e per di più non esce di casa da sei mesi. Che devo fare? Possibile che il Sig. Vendola vuole toglierci un servizio che ha sempre funzionato bene? Ho telefonato ad altri Laboratori privati.

Tutti mi hanno detto la stessa cosa: non possiamo fare analisi "tutto a 1 Euro" o "sottocosto" come al supermercato. In ospedale mi hanno detto che gli esami del sangue li posso fare fra 23 giorni. Taranto è gia disperata per l'ILVA, per tutti i malati di tumore e per le famiglie che soffrono per i parenti ammalati. Ora vengono a mancare i nostri punti di riferimento per curare le malattie. Ma questi politici che cosa si sono messi nella testa? Dobbiamo morire anche noi?

Patrizia La Gioia
Una lettrice di Affaritaliani
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
laboratori analisipugliasanità
i blog di affari
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
L'OPINIONE di Diego Fusaro
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.