A- A+
PugliaItalia
ilva vendola

Una dichiarazione del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola in relazione alla situazione dell’Ilva e al possibile “lodo Vendola” per la risoluzione del conflitto istituzionale suggerito nella giornata di ieri.

 “Ho la sensazione, che purtroppo si fa di ora in ora sempre più marcata, che l’Ilva preferisca puntare sul conflitto istituzionale e speri in atti di forza. I vertici Ilva infatti, mentre continuano a rilasciare dichiarazioni di grande disponibilità, si guardano bene dal fare l’unica cosa che garantirebbe sia i lavoratori dello stabilimento siderurgico che tutte le imprese italiane della filiera dell’acciaio, messe in ginocchio dal blocco delle merci. ILVA non deve invocare semplicemente il dissequestro dei prodotti finiti, come tra l’altro ha già fatto nei giorni scorsi, ma deve chiedere invece che le merci siano vendute e che il ricavato sia espressamente vincolato al pagamento degli stipendi e agli investimenti da realizzare per l’applicazione dell’Autorizzazione integrata ambientale".

"Sarebbe finalmente, sottolineo finalmente, un primo atto concreto di apertura e di dialogo. Per questo, prima di preparare ulteriori e nuovi atti legislativi, chiedo al Governo che faccia tutto quanto in suo potere per imporre all’azienda l’avvio dell’unico percorso processualmente, istituzionalmente e socialmente più corretto, nell'attesa dell'intervento della Corte Costituzionale. Anche il Garante potrebbe essere il soggetto deputato ad assicurare la finalizzazione del ricavato della vendita".

 

Tags:
vendolagovernosequestro vincolatopugliatarantoilva
i blog di affari
Lions Club Lecce ringrazia azienda di Bergamo
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.