A- A+
PugliaItalia

vendola/maroniBari - Non è bastato il tweet avvelenato di Bobo Maroni che annunciava ricorso al Tribunale contro il Governatore pugliese per le frasi in tema di intrecci tra Lega e Mafia in Lombardia, pronunciate a Milano durante la presentazione delle liste per le Politiche: sul Rivoluzionario Gentile continua il pressing delle opposizioni in Consiglio regionale per affrettare il voto anche nel Tacco dello Stivale.

“Vendola, sempre più schiacciato a livello nazionale nella morsa tra Bersani , Ingroia e Grillo, tenta disperatamente di salvarsi sbandierando un buongoverno pugliese che esiste soltanto nella sua immaginifica ed inesauribile vena poetica”, attacca a testa bassa Congedo dal Pdl, parlando di una “Regione sedotta ed abbandonata, di fatto allo sbando, preda indifesa di operazioni propagandistiche di parte” e citando, proprio a proposito dell’imminente contesa elettorale le candidature di “Assessori in fuga, speriamo non con il malloppo”. Tuttavia non è solo il consigliere mantovaniano, rimasto tra i banchi degli azzurri pur dopo l’abbandono dell’ex sottosegretario all’Interno, inizialmente in dirittura d’arrivo a Palazzo Madama tra i montiani. A fargli eco, dalla Capitanata, è anche il collega Giandiego Gatta che ipotizza per la Puglia il rischio di “scontare a lungo uno stato di permanente precarietà all’ombra di un’ininterrotta campagna elettorale” e al Masaniello terlizzese manda a dire: “Non possiamo aspettare ulteriormente i suoi comodi in funzione del ruolo nazionale che potrebbe ricoprire o meno. Se ne andasse una volta per tutte, restituendo ai Pugliesi il loro destino”. Meno caustici da Fli, dai cui scranni Euprepio Curto invita: faccia la sua parte e si dimetta al più presto per consentire ai pugliesi di tornare alle urne entro giugno”
 
Schermaglie da campagna elettorale? L’inquilino del civico 33 di Lungomare Nazario Sauro aveva già provveduto a sgombrare il terreno da qualsiasi dubbio circa le tempistiche nel fine settimana, quando nel capoluogo aveva tirato la volata alla squadra di Sel in corsa alle urne: “Ringrazio tutti coloro che mi vogliono dare dei consigli”, aveva frenato, “ma il consiglio me lo sono dato già da solo: cercherò di restare fino all’ultimo momento utile per gli interessi della Puglia”. Sarà sufficiente a placare gli animi? All’orizzonte c’è la ricalibratura della Giunta post voto e i beninformati non escluderebbero l’entrata in gioco del segretario regionale democratico Blasi, secondo alcuni papabile per concorrere alla nomination per la successione, insieme al primo cittadino barese Michele Emiliano e al titolare dei Trasporti Guglielmo Minervini, già sulla griglia di partenza. In compenso, per ora, restano solo ipotesi.
 
(a.bucci1@libero.it)
Tags:
vendoladimissioniselpdlvotoelezioni
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.