A- A+
PugliaItalia
A Vendola la presidenza NEREUS 'La Puglia tenace vince la sfida'

Tolosa - “La presidenza della rete europea Nereus è il riconoscimento di un lavoro che in tanti abbiamo svolto in Puglia, costruendo e irrobustendo il distretto dell’aerospazio che oggi rappresenta, tra Grottaglie Brindisi e Foggia, una realtà straordinaria che dà lavoro a oltre 6mila persone. Vorrei davvero ringraziare tutti per il lavoro straordinario che è stato fatto in questi anni, ma soprattutto vorrei dire un grazie, non formale, ma davvero di cuore a chi mi ha preceduto”.

Così il Presidente della regione Puglia Nichi Vendola intervenendo questo pomeriggio alla cerimonia pubblica di passaggio della presidenza della rete delle regioni europee Nereus che si occupano di spazio. Un passaggio di consegne da Alain Beneteau al governatore della Puglia formalizzato oggi, ma già deciso dal Consiglio di amministrazione di Nereus.

ZV8A7878
 

Vendola ha promesso “più attenzione e maggiori investimenti strategici per il futuro dell’aerospazio in Europa e maggiore impegno nel lavorare per costruire la sinergia tra pubblico  e privato”.

“Occorre rendere accogliente la sfida dell’aerospazio – ha detto Vendola – sia per le istituzioni che per la scuola e l’opinione pubblica. Il pubblico deve poter beneficiare delle tecnologie dello spazio. Si tratta di guadagnare una prospettiva che è di ricerca, di cultura, di lavoro, di buona economia e di innovazione”.

Tra i risultati strategici che la Rete Nereus deve conseguire per essere all’altezza della sfida futura, Vendola ha indicato “l’incremento dell’utilizzo da parte delle autorità regionali e locali delle tecnologie spaziali per rispondere a fabbisogni pubblici, la costruzione nelle Regioni di laboratori strategici per lo sviluppo e l’applicazione di nuovi servizi spaziali, la formazione di opportunità per le Piccole e medie imprese e le start up tecnologiche e la creazione di occasioni di connessione tra lo “spazio” e la società”.

“Auspico anche – ha concluso Vendola - l’instaurazione di un metodo di confronto interno alla Rete di tipo collegiale, che tenga conto delle istanze di tutti e che consenta di costruire un percorso comune, anche al fine di valorizzare le migliori energie che i vari attori della Rete possono esprimere”.

foto Vendola passaggio presidenza Nereus
 

Il discorso del presidente della Regione Puglia:

Linee programmatiche Rete Nereus

Presidente Nichi Vendola

Management Board - Tolosa, 1/7/2014

Cari colleghi, signori Vicepresidenti, Segretario generale,

al giorno d’oggi, le applicazioni spaziali rivestono un ruolo centrale nella strategia Europa 2020 e sono cruciali nella vita quotidiana dei cittadini.

La crescente importanza del settore spazio nelle politiche europee dimostra la consapevolezza da parte dell’Unione del potenziale che il settore esprime e del contributo rilevante che esso può offrire alla creazione di un economia competitiva, che favorisca crescita e occupazione.

Fuori dall’Europa, altre potenze spaziali, prima tra tutte gli Stati Uniti, hanno individuato un forte elemento di “anchor tenancy” per il settore spaziale nelle attività militari. Pensiamo ad esempio al dominio americano nelle missioni di osservazione ottica commerciale per non parlare dei lanciatori.

Per far fronte ai importanti competitors (non si dimentichino i cinesi), l’Europa deve costruire un’alternativa coerente con la sua vocazione pacifista e che garantisca una solida base industriale. L’unica via per ottenere questo risultato è sviluppare una robusta domanda pubblica di servizi spaziali che dia certezze di lungo periodo agli investimenti pubblici e privati già effettuati nel settore e che si auspica crescano in futuro.

Entro il 2020 Copernicus genererà oltre 20.000 nuovi posti di lavoro diretti; ma il beneficio indiretto offerto dall’integrazione di questi dati con altre informazioni (catasto, dati metereologici, informazioni sul traffico) creerà ulteriori 80.000 nuovi occupati in settori collaterali.

Buona parte di questi fabbisogni sono espressi dalle collettività territoriali e, pertanto, i sistemi industriali regionali possono rappresentare la dimensione ideale a cui intervenire per migliorare l’efficienza del sistema industriale spaziale, favorendo al contempo la cooperazione tra i distretti di tutta Europa.

foto Vendola Beneteau e Capone
 

Per affrontare con slancio propositivo le sfide su indicate, la rete Nereus è chiamata, a mio modo di vedere, a conseguire i seguenti risultati strategici:

  1. Incrementare l’utilizzo da parte delle autorità regionali e locali delle tecnologie spaziali per rispondere a fabbisogni pubblici;
  1. Costruire nelle Regioni laboratori strategici per lo sviluppo e l’applicazione di nuovi servizi spaziali;
  1. Generare opportunità per le Piccole e medie imprese e le start up tecnologiche;
  1. Creare occasioni di connessione tra lo “spazio” e la società.

Auspico l’instaurazione di un metodo di confronto interno alla Rete di tipo collegiale, che tenga conto delle istanze di tutti e che consenta di costruire un percorso comune, anche al fine di valorizzare le migliori energie che i vari attori della Rete possono esprimere.

Ritengo opportuno che queste stesse linee generali di programma siano diffuse, a cura del Segretariato, a tutti i membri del Management board e della Rete e ai Chairs dei Working groups affinchè si possa addivenire nei prossimi mesi alla costruzione di un Programma di lavoro ambizioso e partecipato, che tracci le linee della nostra attività per i mesi ed anni a venire.

foto Vendola Capone al Management Board di Nereus
 

Tale programma dovrebbe strutturarsi, a mio avviso, su tre grandi obiettivi:

  1. Migliorare le relazioni tra la Rete, l’Agenzia Spaziale Europea e le Agenzie Spaziali Nazionali; individuare le possibili sinergie tra le Strategie di specializzazione intelligente nazionali e regionali e i programmi spaziali europei;
  1. Costruire un raccordo organico con le Istituzioni europee di prossimo insediamento (Commissione, Parlamento, Comitato delle Regioni) allo scopo di individuare “piattaforme di dialogo” utili al rafforzamento della rete e dei suoi membri.

Ad esempio, rimandando al documento di dettaglio per le proposte di lavoro concrete, segnalo che è indispensabile ricercare gli strumenti più idonei alla costituzione di luoghi di confronto stabili tra Regioni, Commissione Europea, ESA, Piccole e medie imprese e utilizzatori finali, anche al fine di portare un contributo importante e ben riconoscibile, a nome di Nereus, alla definizione delle policy europee di settore e degli strumenti di finanziamento ad esse collegati.

  1. Aumentare la visibilità della rete a livello europeo, nazionale e locale, con l’obiettivo di promuovere progettualità interregionali tra i membri della Rete e attrarre nuovi membri
    ZV8A7867
     

Utili azioni a tal fine possono essere:

  • Il rafforzamento della cooperazione fra gli Uffici a Bruxelles delle regioni membri di Nereus e il confronto con il Segretariato della Rete;
  • La ridefinizione dell’articolazione e della composizione dei gruppi di lavoro, rendendoli maggiormente corrispondenti al nuovo focus della Rete, più incentrato sulle applicazioni delle tecnologie spaziali piuttosto che sulle tecnologie in sé;
  • L’avvio di una cooperazione stabile tra Nereus ed altre reti europee (a titolo di esempio, ERRIN per ricerca e innovazione; POLIS per i trasporti; ERIAFF per l’innovazione  in agricoltura; o ancora Enterprise Europe network con i suoi sportelli decentrati sui territori);
  • Favorire la cooperazione tra i vari Distretti Spaziali Regionali, individuando aree comuni di partecipazione ai programmi Copernicus, Galileo, Orizzonte 2020, ESA e nell’ambito di programmi bilaterali.

Si tratta di primi spunti, che sottopongo alla vostra valutazione e condivisione.

Prima di terminare, permettetemi di ringraziare vivamente il Presidente Beneteau e i Vice Presidenti Bruns e Leister, per le parole di stima nei miei confronti che hanno più volte espresso pubblicamente e recentemente ribadito nello scambio di lettere occorso al momento del Passaggio di Presidenza.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vendolaaerospaziotolosanereuspresidenzacapone
i blog di affari
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
"No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.