A- A+
PugliaItalia
Xylella, Caroppo (FI): "Emiliano fuori tempo massimo, lui killer degli ulivi"

"Emiliano smetta di ripetere come un disco rotto che vuole salvare gli ulivi sani: con la sua ignavia e la sua pavidità ha contribuito a farne ammalare e morire molti di più di quanto, numeri alla mano, non farebbe e non avrebbe fatto qualunque misura di contrasto che lui o ha boicottato o ha omesso di adottare per tempo". È il duro commento del presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Andrea Caroppo.

caroppo
 

"I turisti che hanno affollato il Salento quest’estate - prosegue Caroppo - hanno avuto modo di vedere, dal brindisino al capo di Leuca, un paesaggio stravolto, il panorama spettrale di milioni di ulivi ben radicati, sì, ma morti: questo è il risultato conseguito da Emiliano!"

"Infatti, dopo Vendola, Emiliano è stato il primo supporter, non degli ulivi e dei loro proprietari, ma del batterio: il suo dolce far nulla - giustificato da presunti complotti di misteriose multinazionali, scienziati corrotti, proprietari speculatori e miracolose pozioni magiche - ha comportato la diffusione senza controllo della malattia e la morte di molti più alberi. I loro proprietari dovrebbero oggi chiedere i danni proprio al Presidente della Regione che ha voluto a tutti i costi ‘pensarci lui’ senza però adottare per tutto questo tempo i provvedimenti urgenti e vigorosi che occorrevano".

"Una legge fuori tempo massimo e inutile - conclude Caroppo - che stride con le acquisizioni scientifiche internazionali maggioritarie e che per questo non farà venir meno le misure che mettono in ginocchio vivaisti e agricoltori, potrà servire a lavare le mani ma non certo la coscienza del killer n. 1 di ulivi salentini Michele Emiliano".

Tags:
xylella andrea caroppo forza italia uliviandrea caroppo michele emiliano killer ulivi xylella
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.