A- A+
Regioni
Città della Salute e della Ricerca, un polo di eccellenza a Sesto San Giovanni

Dopo anni di stop, lunedì 10 febbraio è stato firmato l’accordo per la realizzazione del progetto Città della Salute e della Ricerca a Sesto San Giovanni (Mi). Il progetto, che porta la firma di Mario Cucinella, parte dal concept dell’ospedale modello di Renzo Piano e Umberto Veronesi, e ripercorre l’idea del luogo dell’ospitalità. Umanizzare l’ospedale è il centro catalizzatore dell’intervento. Promosso dalla Regione Lombardia, con l’obiettivo di creare un polo innovativo multidisciplinare, nella visione di Mario Cuicinella Sesto San Giovanni è la città delle fabbriche che si trasforma in Città della Salute. Un luogo di produzione immateriale, d’innovazione e di ricerca scientifica, che da vita ad una nuova anima che arricchisce il grande parco urbano.  Il dialogo tra uomo e natura trova qui un nuovo equilibrio, il verde diventa metafora della guarigione. Gli spazi sono stati progettati come luoghi di soggiorno, di relazioni umane utilizzando elementi che comunicano sicurezza, orientamento e armonia. Cinque giardini, “del respiro”, “dell’emozione”, “della pienezza”, “del cambiamento” e “della rinascita”, diventano gli organi pulsanti del pensiero progettuale di Cucinella, per i nuovi luoghi della cura. La proposta progettuale considera innanzi tutto il fatto che l’Istituto Nazionale dei Tumori e l’Istituto Neurologico Besta rivestono un ruolo di eccellenza nel sistema sanitario nazionale e per molti aspetti anche internazionale soprattutto nel campo dell’oncologia e della neuroscienza.  La Città della Salute e della Ricerca di Cucinella è un modello edilizio e organizzativo nel quale le attività cliniche e di ricerca avvengono in luoghi contigui, ma con proprie specificità, marcando una netta differenziazione con i modelli consueti di edilizia ospedaliera. Una  nuova struttura che avrà come fulcro principale l’attività di ricerca, in grado di proporre alla comunità sanitaria nuovi indirizzi diagnostici e pratiche terapeutiche. Tutti gli spazi sono stati progettati come luoghi di soggiorno di relazioni umane, utilizzando elementi che comunicano sicurezza orientamento armonia. Il progetto ha l’obiettivo di “portare dentro la malattia”, e dentro il luogo di cura, spazi di umanità, di natura, di urbanità e di lavoro, attraverso spazi ibridi: luoghi intermedi di incontro fra chi sta dentro l’ospedale e chi sta fuori, appartamenti aperti con salotti, terrazze e cucine pubbliche che consentano l’incontro fra il malato e i suoi ospiti.

Loading...
Commenti
    Tags:
    citta della salutericercapolo eccellenzasesto san giovanniprogettoarchitettomario cucinellarenzo pianoumberto veronesiregione lombardia
    Loading...
    in evidenza
    Concorso Covid estate 2020 Abbiamo il vincitore...

    Invia il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it

    Concorso Covid estate 2020
    Abbiamo il vincitore...

    i più visti
    in vetrina
    Temptation Island: Antonella Elia guarda il video e si arabbia. Un concorrente lancia sedie.. ANTICIPAZIONI

    Temptation Island: Antonella Elia guarda il video e si arabbia. Un concorrente lancia sedie.. ANTICIPAZIONI


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen Tiguan si rifà il look, nuova estetica e spazio all’elettrico

    Volkswagen Tiguan si rifà il look, nuova estetica e spazio all’elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.