A- A+
Regioni
ristorante pesce 500

Il venerdi' Santo il pesce e' protagonista sulle tavole di quasi un italiano su due (47%) anche se, rispetto allo scorso anno, ben il 13% vi rinuncia piu' per motivi economici che per volonta' di abbandonare la tradizione religiosa.

E' quanto emerge da un sondaggio on line sul sito www.coldiretti.it effettuato in occasione del tradizionale appuntamento che precede la Pasqua, dal quale emerge anche che il 41% dei cittadini si comportera' come gli altri giorni mentre il 12% si manterra' leggero o addirittura stara' a digiuno. Una tendenza alla sobrieta' in linea con quanto previsto per il pranzo di Pasqua per il quale - sottolinea la Coldiretti - saranno spesi 1,1 miliardi di euro circa il 10% rispetto allo scorso anno, anche per effetto del risparmio ottenuto con la preparazione di menu semplici della tradizione che otto italiani su dieci consumeranno a casa.

In questo contesto - precisa la Coldiretti - particolarmente importante e' l'operazione "Pasqua sicura" realizzata dai NAC, Nuclei Antifrodi Carabinieri del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari che hanno intensificato le attivita' di vigilanza sulle produzioni agroalimentari con il sequestro di oltre 7.000 kg prodotti tra cui vari tipi di pasta e salumi. Per la Coldiretti si stima per il solo venerdi' un consumo complessivo di circa 20 milioni di chili di pesce e una spesa di 250 milioni di euro, nel rispetto di un precetto religioso che e' diventato parte integrante delle tradizioni delle famiglie italiane. Sara' preferito soprattutto il pesce azzurro, dalle alici alle sardine fino agli sgombri. La legge dell'astinenza dalle carni non proibisce, pero', di consumare pesce, uova e latticini. Secondo le elaborazioni della Coldiretti su dati Ismea, il consumo domestico di prodotti ittici e' diminuito complessivamente dell'1,5% nel 2012. In calo, soprattutto, gli acquisti di pesce fresco, scesi del 3% rispetto allo scorso anno.

Giu', in particolare, il consumo di alici (-9,9%), calamari (-8%) e vongole, mentre cresce la domanda di trote. Crescono, invece, gli acquisti di prodotti ittici conservati (+1%) e prodotti surgelati, sia naturali sia preparati (+1,5%). I menu del venerdi' Santo saranno quelli tipici delle tradizioni locali cucinati secondo ricette semplici nel rispetto della giornata di riflessione come la pasta con le sarde in Sicilia, le tradizionali zuppe di pesce che assumono nomi differenti a seconda delle regioni, fino alle ricette piu' classiche come le alici scottadito o in saor, tipica del Veneto, le seppie con i piselli, le uova col tonno o gli spaghetti al ragu' di mare.

Per effettuare acquisti di qualita' al giusto prezzo il consiglio di Coldiretti e', laddove possibile, di comperare direttamente dal pescatore, verificare sul bancone l'etichetta, che per legge deve prevedere la zona di pesca, e scegliere la "zona Fao 37" se si vuole acquistare un prodotto pescato del Mediterraneo, controllare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e che siano umide e gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l'odore non deve essere forte e sgradevole. Infine meglio non scegliere i pesci gia' mutilati della testa e delle pinne.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
coldirettivenerdì santopesce
in evidenza
Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

La Divina vuota il sacco

Gravidanza e bacio a Rosolino
Fede Pellegrini, la verità

i più visti
in vetrina
E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.