A- A+
Roma
"Sei mesi per Storace". Condannato per vilipendio

"Io sono l'unico italiano ad essere stato condannato per il reato di vilipendio. Una decisione presa su commissione". Commenta così Francesco Storace la decisione del giudice del tribunale di Roma, Laura D'Alessandro che  ha accolto la richiesta del pubblico ministero, Laura Pezone, che aveva chiesto la condanna a sei mesi di reclusione per il segretario della Destra, e vicepresidente del consiglio regionale Francesco Storace, nel processo che lo vede imputato di offesa all'onore e al prestigio del Capo dello Stato per alcune dichiarazioni rese nell'ottobre del 2007 quando lo definì "indegno". Per il leader della Destra, cui sono state concesse le attenuanti generiche, è stata disposta la sospensione della pena e la non menzione nel casellario giudiziale.
Era il 13 otobre 2007, governo Prodi. Giorgio Napolitano aveva difeso la senatrice a vita Montalcini dagli attacchi de La Destra. E il senatore aveva replicato così: "Napolitano non ha alcun titolo per distribuire patenti etiche. Per disdicevole storia personale, palese e nepotistica condizione familiare, evidente faziosità istituzionale. Indegno di una carica usurpata a maggioranza"
Per il pubblico ministero, che ha chiesto per Storace la concessione delle attenuanti generiche, tenuto conto dello stato di incensuratezza e del fatto che, dopo quelle dichiarazioni, l'imputato si è scusato con il Capo dello Stato, le espressioni utilizzate "sono pesanti, insultanti e aggressive perche' offendono l'istituzione che rappresenta l'Unità d'Italia".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
storacevilipendioprocesso storace



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.