A- A+
Roma
"La terza età dobbiamo inventarcela". Bergoglio e l'abbraccio con i giovani

"Come vorrei una Chiesa che sfida la cultura dello scarto con la gioia traboccante di un nuovo abbraccio tra i giovani e gli anziani!". Papa Francesco ha espresso questo desiderio a conclusione di una straordinaria catechesi sul valore della terza età, proposta alla folla di piazza San Pietro. "Questo periodo della vita - ha spiegato - e' diverso dai precedenti, non c'e' dubbio; dobbiamo anche un po' 'inventarcelo, perchè le nostre società non sono pronte, spiritualmente e moralmente, a dare ad esso il suo pieno valore".
"Mi immedesimo con i nonni. Anche io appartengo a questa fascia di età e nelle Filippine mi chiamavano 'Lolo Kiko' cioè 'nonno Francesco'". l Pontefice ha ricordato il recente raduno dei nonni in piazza San Pietro, dove molti dei pressenti festaggiavano 50 o 60 anni di matrimonio. "E' importante - ha detto in proposito - farlo vedere ai giovani che si stancano presto: è la testimonianza della fedelta'".
"Abbiamo bisogno - ha spiegato - di anziani che pregano come la vecchiaia ci è data per questo. E' una cosa bella la preghiera degli anziani: noi possiamo ringraziare il Signore per i benefici ricevuti, e riempire il vuoto dell'ingratitudine che lo circonda. Possiamo intercedere per le attese delle nuove generazioni e dare dignità alla memoria e ai sacrifici di quelle passate".
"Noi, gli anziani, possiamo - ha elencato - ricordare ai giovani ambiziosi che una vita senza amore è arida. Possiamo dire ai giovani paurosi che l'angoscia del futuro può essere vinta. Possiamo insegnare ai giovani troppo innamorati di sé stessi che c'e' piu' gioia nel dare che nel ricevere". Secondo il Papa, "i nonni e le nonne formano la 'corale' permanente di un grande santuario spirituale, dove la preghiera di supplica e il canto di lode sostengono la comunita' che lavora e lotta nel campo della vita".
E agli anziani Papa Francesco ha raccomandato: "Come è brutto il cinismo di un anziano che ha perso il senso della sua testimonianza, disprezza i giovani e non comunica una sapienza di vita!". E l'antidoto al cinismo "è la preghiera che purifica incessantemente il cuore. La lode e la supplica a Dio prevengono l'indurimento del cuore nel risentimento e nell'egoismo". "Come e' bello invece - ha aggiunto nella catechesi all'Udienza Generale - l'incoraggiamento che l'anziano riesce a trasmettere al giovane in cerca del senso della fede e della vita!". "Questa - ha affermato - e' veramente la missione dei nonni, la vocazione degli anziani".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bergolgiopapa francescoterza etàgiovaninonni



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.