A- A+
Roma
Coronavirus e vaccini obbligatori: la fake news di Zingaretti sul pneumococco

Coronavirus e vaccinazioni obbligatorie contro l'influenza e lo pneumococco, Zingaretti nella bufera perché stavolta non sono i No Vax a criticare le scelte della Regione Lazio, ma la politica e i medici.

L'annuncio è del 17 aprile: con una decisione d'imperio viene comunicato dalla Regione Lazio che dal prossimo 15 settembre medici e anziani over 65 dovranno essere obbligatoriamente vaccinati contro l'influenza e contro lo pnemucocco, la classica polmonite batterica che coi virus e col coronavirus non c'entra nulla. Pena: per i medici l'inidoneità al lavoro; per gli over 65 l'impossibilità di accedere nei centri anziani o nei luoghi di aggregazione dove non è possibile il distanziamento sociale.

Ma dopo l'annuncio arriva l'ordinanza che chiarisce invece (punto 3 lettera B dell'ordinanza 17 aprile 2020 n. Z00030) che se per l'influenza l'obbligo è reale, per lo pneumocco esiste solo “una forte raccomandazione”. Di fatto quella della Regione Lazio è una fake news istituzionale nella quale cade tutta la comunicazione. E il “vizietto“ della Regione Lazio di annunciare le decisioni senza allegare gli atti ufficiali, genera un pasticcio istituzionale.

La “fake news di Zingaretti” è stata scoperta dal consigliere dell'M5S, Davide Barillari che ha messo a confronto il testo ufficiale pubblicato sul sito della Regione con l'ordinanza e ha scoperto che dietro le parole si nasconde l'inganno. Barillari, che già in passato aveva assunto posizioni No Vax e che addirittura è finito in imputato nel suo stesso Movimento per aver pubblicato un sito nel quale affrontava nel dettaglio tutti i problemi legati al Coronavirus, si prende la sua rivincita e si prepara a dar battaglia chiedendo il ritiro dell'ordinanzaa. Spiega Barillari: “Annunciano ai quattro venti la vaccinazione anti-pneumococco obbligatoria, ma poi l'ordinanza di Zingaretti dice che è solo "rafforzata la raccomandazione".

Dunque, nella confusione generale e nell'ansia che ha generato il Coronavirus, la Regione Cavalca la vaccinazione obbligatoria anche per la polmonite batterica e poi nell'ordinanza, invece, appare una “forte raccomandazione”.

Ma sui vaccini anche il mondo medico “non allineato” si prepara a sfidare le ordinanze del Lazio. E' il caso del medico di base Mariano Amici che in un lungo e dettagliato post spiega l'inutilità di procedere alla vaccinazione obbligatoria anti influenzale e preannuncia anche lui il ricorso al tar e una denuncia alla Procura, perché “E’ logico pensare che sia tutto un disegno criminoso tra le multinazionali del farmaco e chi spende i soldi pubblici”.

Scrive il dottor Amici

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO NICOLA ZINGARETTI.CONTINUIAMO A FAR MATURARE LE COSCIENZE! Vaccini inutili resi obbligatori dall’ordinanza del 17 aprile 2020, n. Z00030 della Regione Lazio. Continuano le marchette alle multinazionali sulla nostra pelle! La motivazione? Ti vaccino per l’influenza così forse riesco a scoprire se hai il coronavirus!Ho una lunga esperienza universitaria,ospedaliera ed oggi continuo la mia missione come medico di base ed in questo mio ruolo non posso più tacere.E’ TROPPO! Posso e devo affermare, sicuro di non poter essere smentito,dal punto di vista scientifico, che a parte certi tipi di vaccini, già obbligatori, che lasciano una immunità di lunga durata quelli contro forme virali tipo il raffreddore, l’influenza o il coronavirus possono essere utili solo se vengono effettuati prima del contagio.È ormai universalmente noto che questi tipi di malattie sono causate da virus estremamente mutabili e che le mutazioni avvengono nel giro di pochissimo tempo. L’influenza di quest’anno non è la stessa di quella dell’anno che verrà! Non ha alcun senso,quindi,vaccinare le persone con il vaccino contro il virus dell’anno precedente e di contro è impossibile realizzare un vaccino contro il virus che arrivera’ l’anno prossimo (per quanto riguarda il coronavirus non abbiamo ancora neanche il vaccino di quest’anno e se non sara’ disponibile subito poi non servira’ piu’ perche’ il virus sara’ diverso! ).

mariano amici 01
 

Malgrado tali considerazioni siano note ad ogni medico di buon senso, leggo nell’ordinanza che “i sintomi dell’influenza, almeno in una fase iniziale, sono molto simili a quelli di altre infezioni respiratorie, compreso il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 e che tale aspetto rischia di rendere difficile la diagnosi differenziale basandosi solo sui sintomi, con il rischio di ritardare le cure ove necessario o di sottovalutare l’epidemia …” e pertanto, UDITE UDITE, il Presidente della nostra Regione ha deciso che la soluzione non è quella di aumentare i fondi alla ricerca o aumentare i fondi per i tamponi ed i test,bensì “una campagna massiva di vaccinazione contro l’influenza nelle prossime stagioni autunnale ed invernale”. Vacciniamo tutti contro l’influenza normale così scopriamo meglio il coronavirus! Mai sentita una stupidaggine più grande e questo lo dico sia come medico che come ex amministratore della cosa comune! Non solo! Il nostro Presidente prevede che la mancata vaccinazione comporta, per medici e personale sanitario, l’inidoneità temporanea a far data dal 1° febbraio 2021, allo svolgimento delle mansioni lavorative. I medici non potranno più assistere i malati di coronavirus perché non si sono vaccinati contro la normale influenza e dunque potrebbero avere il coronavirus! Quest’abnorme ordinanza appare non solo incostituzionale e lesiva del mio, del nostro, diritto a non sottoporci ad inutili vaccinazioni ma anche del diritto di tutto il personale sanitario a continuare ad operare per il bene della comunità.Aggiungo,inoltre,e lo affermo in forza della mia esperienza sul campo, che i soggetti che vengono vaccinati con un vaccino superato e quindi inutile si ammalano molto più facilmente di quelli non vaccinati.Ma spendessero i soldi per mantenere in salute la popolazione attraverso il potenziamento della prevenzione e della cura finanziando le Universita’ per la “sana” ricerca anziche’ lasciarle finanziare dalle case farmaceutiche che cosi diventano “i veri” i datori di lavoro dei ricercatori universitari dipendenti dello Stato!E’ ovvio che poi per molti scienziati le vaccinazioni inutili diventano utili,non parlano piu’ di quei meccanismi perversi che si innescano con l’uso di vaccini inutili, di farmaci antiifiammatori,di cortisonici e di altri farmaci che se usati a sproposito producono indebolendo le difese immunitarie l’attecchimento non solo delle malattie contagiose e diffusive ma anche di altre malattie “iatrogene” che per curarle il Servizio Sanitario Nazionale deve comprare altri farmaci.Si innesca cosi quel meccanismo diabolico per il quale lo Stato si impoverisce sempre di piu’ e riduce i finanziamenti alla ricerca ma di contro ha cosi la scusa per farla finanziare dalle case farmaceutiche che diventano “di fatto” coloro che stabiliscono se un farmaco fa bene alla salute o meno.E’ come chiedere all’oste se il vino e’ buono!Credo che sia giunta l’ora che la magistratura indaghi sullo sperpero di soldi pubblici e sull’utilità di questa miriade di farmaci e vaccini che vengono addirittura imposti alla popolazione!Con questo modo di governare le strutture pubbliche, così come quelle universitarie e scientifiche, sono di fatto asservite alle case farmaceutiche. Occorre che la magistratura indaghi sullo sperpero di soldi pubblici e sull’utilità di questa miriade di farmaci e vaccini che vengono addirittura imposti alla popolazione. Lo Stato dovrebbe utilizzare i propri fondi per la ricerca e non delegare tale attività alle case farmaceutiche che in questo modo si comprano la benevolenza della comunità scientifica.È principio noto che molti farmaci antinfiammatori e cortisonici indeboliscono le difese immunitarie eppure li vediamo addirittura pubblicizzati in televisione!Perché lo Stato non vigila? E’ logico pensare che sia tutto un disegno criminoso tra le multinazionali del farmaco e chi spende i soldi pubblici che cosi possono giustificarsi con pareri e pubblicazioni di dipendenti dello Stato (scienziati delle università) la cui sopravvivenza dipende dalle case farmaceutiche. Va spezzata questa connivenza ed è necessario che la magistratura indaghi su eventuali connessioni tra tutti questi soggetti. NON SI PUO’ PIU’ GIOCARE SULLA SALUTE DEI CITTADINI! Mi riservo di presentare ricorso al TAR contro tale ordinanza e mi riservo di presentare esposto alla Procura della Repubblica per verificare l’esistenza di eventuali gravi reati.

Mariano Amici medico.

Commenti
    Tags:
    coronavirsum vaccinovaccino influenzavaccin coronaviruspolmonitepolmonite batteriapneumococcoregione laziozingaretti davide barillarimariano amici


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Rai, arrivano i nuovi vertici: tutti i nomi in pista. Il retroscena
    Non divorzio ma voglio risposarmi: rischio di subire delle conseguenze?
    di Dott. Luigia Messere*
    Vaccini, la burocrazia uccide l'Italia: Odissea per i residenti all'estero
    L'opinione di Tiziana Rocca

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.