A- A+
Roma
Esquilino sommerso dai rifiuti. Montagne di cartoni trasformati in “toilettes”

di Titta Poli

Esquilino sporco, senza raccolta porta a porta, con i cassonetti vecchi e sfondati e la raccolta della carta “sconosciuta”. La denuncia arriva da Stefania Di Serio, consigliere Pd I Municipio. Un quartiere, in pieno centro di Roma, che affoga nell'emergenza rifiuti.

“La raccolta dei rifiuti difficoltosa in tutta la città, raggiunge livelli di problematicità molto alti all’Esquilino dove si aggiunge l’enorme produzione di scatoloni da parte dei negozi concentrati in alcune vie. Il mancato coordinamento nella raccolta degli scatoloni determina l’accumularsi di rifiuti fuori dei cassonetti che oltre che emanare, soprattutto con il caldo, odori fortissimi, fornisce un luogo sostitutivo di bagni pubblici per l’alto numero di senza dimora presenti nel rione”.

Stefania Di Serio, qual è l'area maggiormente critica?

Una delle zone più complicate è quella intorno al mercato rionale. Il contratto di servizio di Ama non tiene conto della peculiarità di passaggio dell'area e degli orari di chiusura del mercato. Per cui, la pulizia attorno all'area mercatale viene fatta a mercato ancora aperto quindi è inutile. Un'altra zona critica è quella dei portici di piazza Vittorio, dove la pulizia è inesistente o inutile perché non viene fatta con macchinari adatti.”

All'Esquilino non esiste la raccolta “porta a porta”?

La raccolta porta a porta è partita da poco, così come quella differenziata stradale ma ancora ci sono molte criticità. Innanzitutto vale solo per metà Esquilino fino a prima di piazza Vittorio. Dove esiste già, la raccolta non avviene con regolarità e così i residenti si trovano spesso con montagne di immondizia dentro a portoni che attira i topi. E poi c'è il fenomeno del “turismo della monezza”: quelli che hanno il porta a porta spesso vanno a intasare i cassonetti dell'area della Piazza. Per non parlare dei cassonetti...

Sono vecchi?

Tutti vecchi e rovinati. Ci domandiamo se nel piano di rinnovo dei 13mila cassonetti previsto da Ama, l'Esquilino sarà inserito o se ancora una volta sarà trattato come rione di serie B e e tutte le attrezzature nuove andranno a Balduina dove vive la Sindaca o a Parioli.

Uno dei problemi maggiori riguarda i rifiuti prodotti dagli esercizi commerciali.

Molti commercianti e ristoranti conferiscono nei cassonetti intasandoli senza alcun controllo. Molti locali, come bar e alimentari, sono sconosciuti all'Ama. Non c’è chiarezza per ritiro cartoni che vengono abbandonati agli angoli della strada. L'unica nota positiva è che siamo riusciti con i commercianti baglandesh di via Principe Amedeo a mettere la raccolta per il vetro per gli esercizi commerciali.
 
Quali sono le vostre proposte?

Un contratto di servizio gestito dal Municipio, l'aumento dei controlli e delle sanzioni, un piano di raccolta dei cartoni che avvenga realmente negozio a negozio con controlli
pulizia delle strade, l'affidamento a terzi della pulizia dei portici con macchinari e prodotti adatti, la revisione del porta a porta con controlli puntuali e report e la sostituzione dei cassonetti.

Tags:
rifiutiamaesquilinoimmondiziaraccolta porta a portadegradostefania di seriocassonetti ama



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.