A- A+
Roma

Legalità, pulizia, ordine. E poi 30 volontari al lavoro per due mesi tre parchi giochi e una pista di pattinaggio sul ghiaccio di fronte alla meraviglia di Chiaia di Luna. L'intera isola di Ponza, si è rimessa al lavoro folgorata dalla “cura Vigorelli, un anno di lavoro per spiegare ai ponzesi che senza turismo e turisti si muore.
Sorride il sindaco Piero Vigorelli. Aveva promesso che avrebbe trasformato l'isola e quasi c'è riuscito. I conti alla fine, quando ponzesi e turisti avranno visto al lavoro Gianluigi Nuzzi e David Parenzo come padroni di casa di un salotto culturale che vede nomi di primissimo rilievo. Nulla da invidiare alla celebre cortina D'Ampezzo che ogni estate tiene banco nella cultura e nella politica italiana.


Al grido di “todo cambia”, oltre 50 tra intellettuali e giornalisti sbarcheranno per parlare di economia, sociale e cultura, “pochi politici”, hanno sottolineato gli organizzatori che hanno scelto un ristorante ponzese nel cuore di Roma pre presentare “Estate a Ponza. Si va da Gad Lerner a Paolo Mieli, da Maurizio Belpietro a Peter Gomez, sino a Gianroberto Casaleggio e Luigi Bisignani. Ospite della manifestazione che prende il nome Ponza d'Autore, anche il direttore e fondatore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino che il 27 luglio con Giorgio Arfaras e Michele Boldrin darà vita a un dibattito sulla “crisi irreversibile, come investire”. Da sottolineare, per esplicita richiesta degli organizzatori, che la rassegna per il Comune sarà a costo zero. I soldi li mettono gli sponsor che hanno scommesso sull'isola. Così come l'intero cartellone estivo lo pagano gli ospiti attraverso la tassa di sbarco: 1,50 euro per chi mette piede nell'isola con i trasporti di linea e invece nulla per chi arriva in barca. Insomma, chi resta più delle classiche 24 ore è di fatto premiato.
“La nuova amministrazione sta lasciando la sua impronta. Quest’anno l’isola sarà diversa, più pulita, più ordinata, più attraente, grazie alle risorse della tassa di sbarco e al coinvolgimento degli isolani. Gli eventi di Ponza Estate saranno l’inizio di un percorso inedito per l’isola e l’occasione per attrarre nuovi turisti. Offriamo in questo anno nero di crisi uno spettacolo continuo, per coccolare e fidelizzare chi ci viene a trovare per le sue vacanze”.

IL PROGRAMMA
Dopo gli appuntamenti con la tradizione di San Silverio, la gara di pesca sportiva Swordfish Week e quella delle bagnarole costruite dai bambini a giugno, i mesi di luglio, agosto e settembre proseguono con la Settimana velica, il festival musicale del Melograno, il cabaret con Annalisa Aglioti e Barbara Foria e le rassegne Ponza in Tavola e Kermesse culinaria con i cibi della tradizione ponzese e quelli slow food.
Un’attenzione particolare sarà poi riservata ai bambini, con il teatro dei burattini in piazza della compagnia “Il Pescatore di Stelle” diretta da Ulrike Brokoph  e lo spettacolo di magia del Mago Raptus dal titolo “Magicamente Abili” dedicato ai diversamente abili.
Con il festival Full Moon organizzato da Claudia Gerini, Alessia Barela e Francesca Figus, si valorizzano  documentari e opere prime, per scoprire i nuovi talenti del grande schermo italiano.
Spazio alla letteratura e all’attualità politica con i tradizionali appuntamenti della quinta edizione di Ponza D’Autore, rassegna curata da Gianluigi Nuzzi e David Parenzo, che vedrà giornalisti, scrittori e intellettuali italiani confrontarsi su fatti di cronaca e temi di politica o economia. La sesta edizione del Premio Caletta segnerà un nuovo passaggio di testimone tra coloro che negli anni hanno contribuito a valorizzare l’immagine dell’isola.
La kermesse Onde Road, organizzata da Antonello Aprea, abbandonando i canonici schemi di concerti dal palco, proporrà invece una lunga serie di performance dal vivo in piazza e nelle strade, con numerosi artisti noti nel panorama musicale nazionale e internazionale, come la vincitrice di X Factor 2010.
Musica in piazza anche con Jonathan Leatwood, chitarrista conosciutissimo in Italia e all’estero che si esibirà nella meravigliosa cornice delle Forna.
La tradizione, la storia e il mito rivivono invece nelle tre performance presentate dalla compagnia Top Spin, racchiuse nel titolo “Ponza ai confini del mito”, trilogia teatrale della trasformazione. ideata e diretta da Francesco Maria Cordella. I tre spettacoli propongono un percorso drammaturgico di scoperta e conoscenza  delle origini storiche  dell’isola,che affondano nel Mito ed arrivano alla storia contemporanea.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ponzacasaleggioperrinovigorelliestate ponzesetirreno



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.