A- A+
Roma
I romani che vivono nelle case del Comune. Tutti i nomi, anche i "furbetti". ESCLUSIVO

di Alberto Berlini
e Fabio Carosi

Ecco gli elenchi dei romani che abitano negli appartamenti del Comune di Roma. Affaritaliani pubblica il documento, la cui consegna ha fatto scattare il rinvio della seduta per mancanza del numero legale. Dopo una serie di rinvii, la delibera con la quale il Comune intende vendere il proprio patrimonio per capitalizzare e far fronte all'emergenza abitativa, è stata congelata in attesa della prossima riunione. E proprio l'inversione dell'ordine del giorno ha scatenato la "quasi rissa" per via dell'opposizione che si è presentata in aula con un figura rappresentante il sindaco, riprodottta su cartone. La vendita, o come dice qualcuno "svendita" di immobili di pregio e non, per Roma vale oltre 300 milioni di euro.
L'elenco pubblicato in esclusiva da Affaritaliani.it mette anche il dito nella piaga di anni di malagestione del patrimonio con case di 150 metri quadri pagate 5 mila euro l'anno, oppure 75 metri quadri per i quali l'inquilino ha versato al Comune 234 euro per ciascun anno.
Nomi e cognomi di persone che a diverso titolo hanno ricevuto una "dote", alcuni dei quali per indigenza, molto per "agganci" da prima Repubblica, come la signora Laura che per un monolocale da 56 meri quadri ha pagato 70 euro l'anno, poco più di una cena.
In pieno stile "malagestione" gli uffici comunali hanno consegnato all'Aula Giulio Cesare documenti incompleti e dove l'affittuario e il prezzo pagato annualmente non sono legati all'indirizzo degli immobili e dove quindi stabilire se si tratta di un favore colossale, un'agevolazione o un aiuto per indigenza è impossibile. Il documento che il Comune ha consegnato è stato giocoforza protetto da un patto di riservatezza, poiché la quarta colonna (non visibile nel documenti allegato a questo articolo) indica l'eventuale morosità.
Pochi, pochissimi hanno versato i canoni irrisori sino all'ultimo euro, come nel caso di una signora che ha accumulato 120 mila euro di affitti arretrati per una casa di 63 metri quadri. Dentro le carte del Comune c'è la prova che persone già facilitate non hanno addirittura mai pagato. E ci sono anche esercizi commerciali che hanno superato la soglia dei 150 mila euro di debiti col Comune di Roma oppure con la procedente gestione della Romeo Srl. Il primato debitorio è del signor XX che non ha versato canoni per 266 mila euro per i suoi 73 metri quadri, superato solo da un costruttore edile che ha uffici all'Aventino. Nessuno se n'è mai accorto.

Ai lettori lasciamo ogni commento.

IL DOCUMENTO ESCLUSIVO

 

© affaritaliani.it VIETATA LA DUPLICAZIONE

 

 

Tags:
affittopolielenco romani case comunecase comune romaaffitti romacampidoglio
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Il Coronavirus non ferma le maschere tarocche per Carnevale: sequestro record

Il Coronavirus non ferma le maschere tarocche per Carnevale: sequestro record

i più visti
i blog di affari
Alla nostra politica manca la cultura. E' diventata mera tecnica gestionale
di Diego Fusaro
CrowdFundMe lancia la campagna di equity crowdfunding di Sixth Millennium
di Paolo Brambilla - Trendiest
Lavoro, 4 operai morti in un giorno. Ma la politica difende altri interessi
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.