A- A+
Roma

“Vite in gioco ai tempi della crisi. Gioco d’azzardo, indebitamento e usura” è il titolo del convegno organizzato dalla diocesi di Roma per sabato 23 novembre all’Università Lateranense (Aula Pio XI, ore 9.30). L’incontro, rivolto soprattutto agli animatori delle comunità parrocchiali, è promosso dalla Caritas diocesana di Roma, dal Centro diocesano per la pastorale familiare del Vicariato, dalla Fondazione antiusura Salus Populi Romani e dall’Azione Cattolica di Roma.
Il convegno verrà aperto dall’arcivescovo Filippo Iannone, vicegerente della diocesi di Roma, e vedrà nella prima parte gli interventi del sociologo Maurizio Fiasco - “Il tempo dell’azzardo. Impatto sull’economia e sul capitale sociale familiare” - e di monsignor Carmine Recchia della Fondazione Salus Populi Romani - “Il gioco d’azzardo visto da vicino” -. La seconda parte del convegno sarà dedicata alle proposte operative e alle esperienze pastorali con gli interventi del presidente dell’Azione cattolica di Roma, Benedetto Coccia - “Mettiamo in gioco la vita senza azzardo” - e dell’addetto del Centro per la pastorale familiare del Vicariato, Luca Pasquale - “«Mamma mi compri...?». Educare all’uso del denaro evitando sprechi e dipendenze” -. Le conclusioni (ore 12.30) saranno affidate al direttore della Caritas diocesana  di Roma, monsignor Enrico Feroci.

Maurizio Fiasco, che metterà in evidenza il quadro socio-statistico del fenomeno, anticipa: “Il gioco d’azzardo è il "colpo di grazia" per molte famiglie che vivono la crisi proprio perché il sistema gioco si alimenta sulla povertà, sul peggioramento delle condizioni economiche e sulla manipolazione emotiva di quanti sono già stritolati nella morsa della speculazione selvaggia e dal debito”. Un sistema che rischia di generare una spirale sempre più drammatica perché con l’aumento dell’offerta di giochi aumentano anche i giocatori e crescono coloro che diventano patologici.
Una conferma di tale tendenza arriva anche dai dati sul fenomeno pubblicati dal Centro italiano di solidarietà (Ceis), secondo cui a Roma si è passati da una spesa pro-capite per il gioco di 500 euro, nel 2004, ai 1.200 euro nel 2011. Cifre preoccupanti per la Capitale emergono anche dalla rilevazione Open Data sugli esercizi commerciali: sono 718 le sale giochi aperte nel territorio del Comune per un totale di oltre 50mila, tra videopoker e slot machine. Quindi dal 2012 al 2013 l’espansione è stata inarrestabile e, nel giro di 12 mesi, il numero di esercizi è quasi triplicato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
slot machinesvideogiochidipendenza giochisale giocodiocesi di romacaritas



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
"Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.