A- A+
Roma

di Claudio Roma

Cinque milioni di euro. A tanto ammonta il prezzo che i romani, detentori ufficiali del 51 per cento del pacchetto azionario di Acea, saranno chiamati a pagare se il sindaco proseguirà nella sua battaglia per il rinnovo dei manager. Il calcolo è frutto di un'elaborazione sommando le interruzioni dei contratti di presidente, ad e dei consiglieri e i “danni correlati”. Un ricambio onerosissimo che ha riacceso la guerra. Due i fronti: da una parte Marino sostenuto con forza da Sel e dai rappresentanti dei Comitati per l'acqua, dall'altra i socie francesi e il socio “romano” che non risparmia bordate con i giornali controllati dal Gruppo: Leggo e Il Messaggero.
Insomma, Francesco Gaetano Caltagirone contro Ignazio Marino, l'ingegnere-cavaliere contro il chirurgo-sindaco: chi vince governa Roma e controlla di conseguenza la cassaforte Acea.
Dopo mesi di bombardamento, martedì il sindaco con l'elmetto ha spedito l'ultimo affondo con la lettera ai soci di Acea per chiedere una sostituzione della governance in vista dell'assemblea. E in aggiunta alla lettera avrebbe anche paventato la possibilità di ricorrere ad un'azione di responsabilità contro gli amministratori. Non è la prima volta ed è certo che con l'avvicinarsi dell'approvazione del bilancio e la presentazione del nuovo piano industriale, il fuoco si faccia sempre più minaccioso. Per ora il sindaco ha incassato uno schiaffo dalla Consob che ha obbligato Acea a rendere pubblica la lettera “per inosservanza della parità informativa”. E quindi un ennesima brutta figura. Non basta. “Sotto schiaffo” del quotidiano di via del Tritone che da settimane martella con inchieste di Ama e Atac e per il sondaggio che lo ha spedito in coda nella classifica degli amministratori italiani, l'inquilino del Campidoglio ha provato a ferire a morte il suo rivale: “Il Messaggero? Io non lo leggo da due mesi”, ha affermato il sindaco, quasi a dire che il peso del quotidiano sia più o meno irrilevante e che comunque i “blitz di carta” lo lasciano indifferente.
Con il cavalier Caltagirone armato sino ai denti, ora si attende la risposta dei francesi di Suez Environnement, fortemente preoccupati sugli effetti della bufera in corso. L'Ad Jean Louis Chaussade, avrebbe più volte detto ai suoi manager di temere gli effetti dei continui attacchi, sotto forma di caduta del titolo. Da qui il calcolo: tra liquidazioni indennizzi e ritorno alla quotazione di un anno fa, “l'effetto Marino” costerebbe qualcosa come 5 milioni di euro, un prezzo folle “per far rientrare la politica all'interno della società”, avrebbe commentato il manager francese, seriamente preoccupato e pronto a rispondere agli attacchi.
E Marino? Si arma e raccoglie dossier sui disservizi, le bollette pazze e le nomine. Lì metterà sul tavolo dell'incontro con i soci: un faccia a faccia con il cavalier Caltagirone e l'azionista francese.
Un'informazione di servizio per il sindaco. Martedì, giornata di rimbalzo per tutte le Borse europee e con Milano in grande forma, l'indice generale ha chiuso con un 3,6% in positivo, Acea si è accontentata di un +1,4%. Chi comprerebbe azioni della multiutility con il socio di maggioranza che chiede la testa dei vertici? La risposta l’ha data la Borsa ma il sindaco sembra intenzionato a tirare dritto.

Tags:
aceacaltagironeconsobmarinosuez environnementmessaggeroleggo
Loading...




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Morto Enrico Nicoletti: nella tomba i segreti della Banda della Magliana

Morto Enrico Nicoletti: nella tomba i segreti della Banda della Magliana

i più visti
i blog di affari
Amici, Federica Gentile di RTL1025 ha una sorpresa per due allievi
Francesco Fredella
Oggi al MUDEC online "Le città delle Donne”. Le opere di non-fiction premiate
Paolo Brambilla - Trendiest
L'impresa e la solidarietà familiare. Come evitare casi di "sfruttamento"
di Avv. Andrea Gazzotti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.