A- A+
Roma


di Fabio Carosi

Magrissima ma sempre sorridente. Le costole che spuntano dalla schiena e due braccia quasi scheletriche. Del corpo che fece sognare gli italiani, rimane solo il seno chiaramente artificiale. Il resto è Moana Pozzi. Meglio: quello che rimaneva a meno di due mesi dalla morte.
Possono smettere di trattenere il respiro gli appassionati del mistero. Nessuna rivelazione clamorosa, tantomeno la verità che dal lontano 15 settembre 1994 sono in attesa di conoscere sulla sua morte. Moana Pozzi torna in vita per dare frammenti sugli ultimi giorni della sua esistenza terrena, prima cioè di trasformarsi in “icona quasi sacra” del partito dell'hard core divenuto costume e nobilitato da tanta intelligenza.
L'operazione “resurrezione digitale”, si compirà proprio il 15 settembre a cura della famiglia Matera, il produttore detentore dei diritti di santa Moana. L'atteso film “L'ultima volta”, ritrovato nei depositi polverosi di un cinema di Brescia e che la trasmissione Lucignolo ha rilanciato nel febbraio di quest'anno è pronto all'invasione. Non solo Sky (a pagamento) ma anche via internet sul sito specializzato Love-mi e quindi in tutte le edicole del "Regno d'Italia hard" dove arriverà il formato dvd a cura della Fm Video.
E' l'inedito girato dal fu Roberto Schicchi e prodotto dai Matera in 35 millimetri nell'agosto del '94 mostra una donna consumata che di icona dell'erotismo mantiene solo il ricordo. Oltre al film hard classico, l'opera “ultima” contiene anche 63 minuti di interviste e di scene erotiche, quasi fosse un docufilm (si direbbe oggi) sulla vita di una santa laica, dispensatrice di piaceri e che cambio il punto di vista dell'Italia sull'erotismo.
Nella base operativa romana del quartiere Talenti, la famiglia Matera si prepara all'invasione delle edicole e, ad affaritaliani.it, giura: “Oltre ai noleggi via satellite, i dvd di Moana Pozzi sono quelli che ancora si vendono di più”.
L'operazione resurrezione ora è completa nel giorno del suo ventesimo anniversario della scomparsa. E parte lo spot: “Immagini inedite, 150 minuti di sequenze hard ed erotiche. “Moana l'ultima volta” è un documento unico ed inimitabile, è qualcosa di prezioso da custodire gelosamente... C'è chi è fermamente convinto che si ancora viva, chi sostiene di averla vista di recente.” A vedere i fermo immagine che affaritaliani.it pubblica in anteprima c'è solo un angelo che viaggia verso la fine. Troverà pace?

Tags:
moana pozziriccardo schicchihard corel'ultimo filmmatera
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bocce avvelenate: “Soldi per non candidarsi”, la bufera Fib non si ferma

Bocce avvelenate: “Soldi per non candidarsi”, la bufera Fib non si ferma

i più visti
i blog di affari
Politecnico online. 5° Report Italiano Crowdinvesting martedì 21 luglio 2020
Paolo Brambilla - Trendiest
Ascolti tv, Giorgino rifiuta “Uno Mattina”. E spunta l’indiscrezione bomba
Francesco Fredella
AMR. Nasce il fondo internazionale contro la resistenza agli antibiotici
Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.