A- A+
Roma
Monopattini, non è più un gioco. Link dopo il boom a Roma sbarca in 30 città

Auto, mezzi pubblici, bici, oppure? Nelle brevi e medie percorrenze in città la risposta è: monopattino: il mezzo più piccolo, il più flessibile, il più agile e che, con la pandemia, sta vivendo un'esplosione. Dopo gli States, è l'Europa e in particolare l'Italia il mercato di conquista. E su Roma si gioca la partita più importante, come insegna Link che, dopo lo sbarco nella Capitale, si prepara a “invadere” altre 30 città: da Torino a Palermo (con il servizio operativo già da lunedì 1 marzo ndr), transitando persino per centri minori come Aprilia.

Ma qual è il segreto di tanto successo? Semplice si chiama “sicurezza”. Progettato in collaborazione con il Mit di Boston, il monopattino che fa sognare di guidare una Volvo, è un concentrato di tecnologia e di sicurezza. E così il numero ricorrente delle statistiche sul Link in circolazione in 12 città del mondo è zero: zero lesioni gravi a bordo; zero richiami di veicoli o difetti di fabbricazione e zero casi di eccesso o deficit di capacità di carico.

Il segreto di tanta efficienza è nascosto sotto la pedana che custodisce il computer che regola tutte le funzioni, quasi fosse una Formula 1: se il monopattino entra in una zona vietata, (come ad esempio una zona pedonale o un marciapiede) scatta in un secondo il sistema Geofence che ferma il mezzo. E sempre sotto la pedana c'è il sistema di controllo dell'efficienza che comanda lo sblocco con l'app, il controllo dell'autonomia, dialoga con la centrale per la disponibilità in tutte le zone, controlla il percorso e tutte le funzioni.

Ma è veramente utile muoversi in monopattino o è un mezzo per il tempo libero? Intanto il costo di noleggio è decisamente democratico e le immagini dei manager che scorrazzano per la città, non sono frutto solo di marketing. Leggerezza e flessibilità lo hanno trasformato in perno strategico del modal split: la tendenza che si affermerà nei prossimi anni è quella del cosiddetto uso promiscuo. Per chi non abita nelle zone centrali, il primo spostamento avverrà in auto, sino al primo parcheggio utile per completare il trasferimento sino alla destinazione col monopattino noleggiato. Chi invece vuole comperarlo magari usato, la speranza è vana: un mercato dell'usato non esiste. I monopattini Link durano 5 anni e poi possono essere riciclati. Meglio il noleggio, quanto basta per spostarsi.

CHI E' LINK

LINK è l’innovativo servizio di monopattini elettrici in sharing lanciato nel 2020 e progettato da Superpedestrian, tech company leader nella micromobilità fondata nel 2013 dal MIT di Boston (Massachussets Institute of Technology). LINK è la prima realtà al mondo nel suo campo a integrazione completamente verticale: dalla progettazione, alla produzione del veicolo, fino alla gestione di tutte le operazioni.
Si tratta di un prodotto frutto di anni di ricerche e test drive. Nessun dettaglio è stato lasciato al caso: design, software, tecnologia e comfort sono stati studiati e perfezionati nel tempo. LINK è ad oggi il monopattino elettrico in sharing più sicuro, durevole e sofisticato del mondo.

LA SICUREZZA

Sistema VIS - LINK applica ai suoi monopattini l’innovativo sistema Vehicle Intelligence System, una piattaforma integrata che controlla in tempo reale lo stato dell’intero veicolo. Inoltre, attraverso un’autodiagnosi prima di ogni corsa, il VIS è in grado di eseguire una rapida scansione del mezzo, rilevando in anticipo eventuali problemi e bloccando il monopattino prima dell’accensione.

monopattini link
 

Grazie a questa sofisticata tecnologia, gli utenti possono viaggiare in modo sempre sicuro perché, anche durante il viaggio, il sistema intelligente continua a monitorare più di 140 indicatori al secondo, mantenendo le prestazioni del monopattino costanti e correggendo errori di funzionamento prima che questi si trasformino in problemi di grossa entità: dalla forza frenante, alla batteria, fino a sbalzi di temperatura delle componenti o possibili sovra alimentazioni. In caso di surriscaldamento di batteria, motore o altre componentistiche meccaniche, il sensore interno al veicolo si attiva e il monopattino si spegne immediatamente. A quel punto viene prelevato dall’operatore e tolto dalla strada.

Dotati di triplo sistema frenante (2 sul manubrio e uno motore), i veicoli LINK rallentano il 37% più velocemente degli altri monopattini in sharing. La pedana allargata, le ruote più grandi e il manubrio più largo rispetto a qualsiasi mezzo in circolazione, conferiscono al veicolo maggiore comodità e stabilità.

 

Commenti
    Tags:
    monopattinilinkmonopattini romamobilità dolceflotta linkmit bostonmobilitàromacomune romatrasporti roma


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    FONDI PER BREVETTI, PER LA SANITA’, PER LA TUTELA LAVORATORI E MEDITERRANEO
    Boschiero Cinzia
    L’Ue contro la Rai, soffiano venti di censura e svolta autoritaria
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il ritorno di Dibba: “Conte scalzato dai poteri forti. Rientro solo se..."

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.