A- A+
Roma
Rifiuti caos: Roma salva grazie all'Abruzzo. I Radicali: “Serve una discarica”

Rifiuti, Roma si salva grazie all'Abruzzo che continuerà a ricevere l'indifferenziato per altri 12 mesi. Ovviamente a caro prezzo. Intanto i Radicali alzano la voce e chiedono la realizzazione di una discarica di servizio.  

La Giunta regionale del Lazio ha approvato la delibera con cui viene prorogata fino al 31 dicembre 2019 la possibilità di conferire i rifiuti indifferenziati prodotti da Roma Capitale negli impianti abruzzesi per il trattamento meccanico biologico. La proroga rientra nell'Accordo di Programma sottoscritto da Regione Lazio e Regione Abruzzo per la gestione di 70.000 tonnellate di rifiuti "talquale" raccolte da AMA spa.

"L'Amministrazione regionale ancora una volta garantisce una leale collaborazione al Comune di Roma per affrontare la gestione dei rifiuti urbani, soprattutto in questa fase critica. Ora auspichiamo una svolta da parte del Campidoglio, che dovra' compiere rapidamente quelle scelte necessarie sugli impianti di servizio per consentire un corretto funzionamento del sistema dei rifiuti", ha dichiarato in una nota Massimiliano Valeriani, assessore al Ciclo dei Rifiuti della Regione Lazio.

Intanto i Radicali alzano la voce: "Già prima dell'incendio del Tmb Salario le criticità del ciclo dei rifiuti a Roma erano ben note, così come erano conosciute -noi le abbiamo ribadite molte volte- le contromisure per affrontarle". Così in una nota Alessandro Capriccioli, capogruppo di +Europa Radicali al Consiglio Regionale del Lazio, e Massimiliano Iervolino, vice coordinatore nazionale di +Europa. 

"Oltre a un aumento significativo della raccolta differenziata, imprescindibile per ridurre il carico di indifferenziato sugli impianti, occorre realizzare una discarica di servizio di un impianto di compostaggio, per iniziare a colmare l'enorme deficit impiantistico di Ama. Dopo l'incendio, naturalmente, queste misure sono diventate ancora più urgenti, specie in concomitanza con le feste natalizie che notoriamente si traducono in maggiori quantità di rifiuti da trattare e smaltire.

Raggi dovrebbe semplicemente mettere in campo, una volta per tutte, la volontà politica di adottare quelle soluzioni, smettendo di lasciarsi andare a proclami ideologici che non hanno alcuna corrispondenza con la realtà. In questa ottica, il commissariamento non solo sarebbe del tutto inutile (come già accadde nel 2011, quando il Lazio e Roma furono commissariate, senza alcun risultato, per la ricerca di una nuova discarica che sostituisse Malagrotta), ma per la Sindaca rappresenterebbe l'ennesimo alibi dietro cui nascondersi, scaricando su altri le responsabilità che, per il ruolo che ricopre, dovrebbe essersi assunta già da un pezzo. Governare una città significa questo: il resto è fuffa, e nemmeno i Tmb sono capaci di trattarla".

Commenti
    Tags:
    rifiutidiscaricaabruzzoindifferenziataemergenza rifiutiradicalizingarettirifiuti roma


    Loading...
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, ora fase 2 e si riapre: poi richiuderanno accusando 'i sudditi'
    Separazione consensuale dalla moglie: le rate del mutuo oneri deducibili?
    di Francesca Albi*
    Ing. Carmine Biello. La generazione elettrica e la transizione

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.