A- A+
Roma

Una parata sottotono quella del 2 giugno di quest'anno. Niente bandiere, niente bambini che sventolavano le bandiere tricolore al passaggio dei militari; poco pubblico per 50 minuti di esibizione e sfilata dei reparti delle forze quattro forze armate nazionali.
La cerimonia per festeggiare la nascita della Repubblica è iniziata alle dieci con una piazza poco affollata, schierati i militari, i corazzieri e le autorità in attesa che il presidente della Repubblica deponesse la tradizionale corona d'alloro sulla tomba del milite ignoto. Un Napolitano apparentemente stanco si è tolto gli occhiali per rendere omaggio all'altare della Patria e proseguire in 'rassegna' i ministri, e le autorità, gesto ripetuto più volte nel corso della cerimonia sulle tribune d'onore.

Una festa per pochi e senza clamori, l'austerty di una mini-parata senza mezzi militari, senza le tradizionali Frecce Tricolori e con il minimo indispensabile degli uomini lungo i fori imperiali si è trasformata in una parata dal volto triste. Un solo tricolore ha accompagnato la sfilata, apparso timidamente steso dalla balaustra di una delle tribune laterali, la folla poco calorosa ha salutato il presidente della Repubblica in piedi sulla decappotabile d'epoca nel giro d'onore mentre qualche temerario (pochi in realtà) ha acclamato il presidente del Consiglio, Enrico Letta, diretto alla tribuna d'onore con un 'crediamo in te' e qualche timido applauso.
La folla si è scaldata solo al passaggio dei corpi scelti della Marina militare, quando lo speaker ha annunciato il saluto ai marò detenuti in India e probabilmente davanti alla tv a seguire la manifestazione.
Nella tribuna, a fianco al ministro i genitori di Girone e Latorre, che dell'amor patrio sono diventati il simbolo odierno. La brigata Sassari, cantando il tradizionale inno di Forza paris, la Folgore con i suoi incitamenti e i Bersaglieri di corsa hanno sfilato davanti ai ministri vecchi e nuovi e alle rappresentanze estere. Poca gente, tanto sole, forse in uno scampolo d'estate molto attesa gli italiani hanno preferito festeggiare la Repubblica in spiaggia più che ai fori imperiali.


Emma Evangelista

Tags:
parata 2 giugnonapolitanofori imperialipresidente repubblicagironelatorre
Loading...
Loading...




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

La Sapienza migliore Università del mondo. Ma Roma sogna la svolta Politecnico

La Sapienza migliore Università del mondo. Ma Roma sogna la svolta Politecnico

i più visti
i blog di affari
“Immaginate un uomo così al mattino”, la Barra fa sognare tutte le donne
Francesco Fredella
Takeflight vola in Israele e apre agli investitori
Alessandro Massacesi
Amadeus dice che fa Sanremo per noi ma intanto si becca mezzo milione di euro
L'OPINIONE di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.