A- A+
Roma
Virus, il prezzo della didattica a distanza i ragazzi “lo pagheranno caro”

Coronavirus, Bianchi di Castelbianco, psicologo dell'età evolutiva lancia l'allarme: “Le scuole non sono focolai. Il non andare a scuola è un problema enorme che ci porteremo dietro nei prossimi anni e ne vedremo le conseguenze. Si parla di movida ma gran parte dei ragazzi non esce più e questo ritiro sociale è un problema. E’ anche giusto vivere con le dovute preoccupazioni, ma non si può vivere con l’angoscia, i ragazzi hanno difficoltà a distinguere”.

Gli effetti della pandemia sui giovani. “Stiamo vivendo tutti un’esperienza molto negativa –ha affermato Bianchi di Castelbianco-. I ragazzi l’hanno già vissuta nello scorso anno scolastico e l’hanno vissuta sicuramente male. Per parlare dell’attuale situazione dei giovani bisogna dare un’occhiata a quello che è successo e a cosa questo abbia comportato. Sicuramente le scuole non sono focolai, questo sta emergendo da tanti studi che anche noi stiamo facendo. Noi abbiamo mille persone in una scuola, nell’arco di 2-3 mesi troviamo una trentina di persone positive, ma queste non portano contagio alle altre 970. Se in una scuola si cerca di tenere delle regole, lo stesso non accade su un autobus o in una metropolitana. Quindi i ragazzi possono portare il virus a scuola, ma non lo prendono lì. Per quanto riguarda la movida, a Roma abbiamo 500mila giovani, di questi quando per le strade ne uscivano 10mila sparpagliati nelle varie zone, io mi chiedevo e gli altri 490mila? La verità è che i ragazzi tendono a non uscire. Io sono più preoccupato per i 490 mila che restano a casa e tendono a non uscire. E’ scattata la famosa sindrome della capanna, i ragazzi hanno difficoltà ad uscire, a relazionarsi, si chiudono dentro con i loro pc e smartphone. Questo ritiro sociale fortissimo è un problema. Il mondo è cambiato anche per noi adulti, che ordiniamo le cose su internet anziché andare nei negozi. Questo lo vedono anche i giovani. Il non andare a scuola è un problema enorme che ci porteremo dietro nei prossimi anni e ne vedremo le conseguenze. Per quanto riguarda la narrazione a livello mediatico, i ragazzi vivono come se la malattia fosse in agguato per attaccarci in qualunque modo. E’ anche giusto vivere con le dovute preoccupazioni, ma non si può vivere con l’angoscia, i ragazzi hanno difficoltà a distinguere”.

Federico Bianchi di Castelbianco, psicologo e psicoterapeuta dell'età evolutiva, direttore dell'Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Loading...
Commenti
    Tags:
    viruscoronavirusfederico bianchi di castebianocpsicologopsicologiamovidagiovanididattica a distanzadda


    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rivolta contro Roma dei Comuni: cantiere Acea follia, 2 mesi di caos traffico

    Rivolta contro Roma dei Comuni: cantiere Acea follia, 2 mesi di caos traffico

    i più visti
    i blog di affari
    Imbarazzo a C’è posta per te, una signora perde la dentiera
    Francesco Fredella
    Tecla ad Amici, la sorpresa in camerino. “Oggi la seguo dal backstage...”
    Francesco Fredella
    Grande successo della diretta Facebook di ANPAL ed ENM su Affari Italiani
    Paolo Brambilla - Trendiest News

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.