A- A+
Rozzano
Mensa gratis per tutti gli studenti: la morosità si combatte così
Gianni Ferretti

 Qualche tempo fa il comune di Corsico era stato investito da un’ondata di polemiche poiché aveva deciso di non dare più il pasto ai figli delle famiglie morose con il Comune. L’allora sindaco Filippo Errante, aveva deciso il pugno duro che aveva portato al risanamento delle morosità ma anche a uno scandalo di rilevanza nazionale. Il provvedimento era stato studiato, anche se poi non adottato, anche da altre amministrazioni, tra cui quella - allora di centrosinistra - di Rozzano che poi ripiegò sulla scelta di mantenere per tutti il servizio mensa, ma di non consentire più ai morosi l’accesso ai servizi accessori (come la piscina). Oggi l’amministrazione di centrodestra di Rozzano  guidata dal primo cittadino Gianni Ferretti ha varato una riforma, comunicata a tutti i cittadini con le tradizionali lettere inviate per il primo giorno di scuola che prevede la gratuità per tutti del servizio mensa. A risultarne escluse solo le famiglie morose che non hanno ancora predisposto un piano di rientro.

Una scelta diversa da quella di Corsico ma che il Pd rozzanese non aveva mai applicato, quella del dirizzo allo studio. La mensa viene infatti concepita non come un servizio aggiuntivo, ma come parte integrante del progetto educativo che non può non tenere conto che i bambini devono rimanere a scuola e che dunque la mensa deve essere inclusa tra i servizi offerti gratuitamente.

"Siamo al lavoro  - si legge nella lettera inviata dal sindaco Ferretti  - per definire nuove e diverse modalità di fornitura del servizio mensa con l'obiettivo di fatto di rendere il servizio gratuito per tutte le famiglie sin dall'anno scolastico in corso".

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    mensa gratisstudentirozzanomorosità
    i blog di affari
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
    Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.