Globalist/ Obama: new age o new isolationism

Lunedì, 19 gennaio 2009 - 15:50:00


Tsahal, le forze armate israeliane, sembrano aver fatto lezione della dottrina Petraeus e sono massicciamente impegnate a spaccare Hamas probabilmente con il fine ultimo di portare per la prima volta una forza multinazionale, con elementi egiziani e siriani (e la benedizione saudita), a risolvere l’infinito problema palestinese.

Questa strategia è stata concordata con Obama? Lo vedremo dal tipo di tregua che starebbe per entrare in vigore. Presto.

Comunque la sensazione è che Europa, Russia e Medio Oriente siano “grane” che Obama preferirebbe non avere, oberato dai problemi economici che la recente crisi ha esasperato in casa. Ci aspettiamo che a fronte di vicende che richiederanno l’intervento della comunità internazionale (in queste ore si sta parlando di una forza di interposizione a Gaza), Obama pretenderà un minore coinvolgimento della propria macchina militare, mentre non abbiamo udito da lui  alcun commento circa la guerra energetica tra Russia e Ucraina, che pone in grave crisi i paesi NATO e UE, pur suoi alleati. In altri tempi il Presidente USA avrebbe fatto udire forte la sua voce. Se l’Europa ha orecchie per intendere, intenda.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA
In Vetrina