Bush esce di scena... a scarpate. Il fallimento della guerra 'all inclusive'

Lunedì, 22 dicembre 2008 - 10:00:00


FORUM/ Dopo il gesto del giornalista iracheno contro il presidente Usa, contro quale esponente del Palazzo (imprenditore, banchiere, ministro, parlamentare, assessore, ecc...) lanceresti le tue scarpe?

Iraq/ Il processo al lanciatore di scarpe inizierà il 31 dicembre

Tante scarpe contro Bush. Manifestazioni in tutto il mondo. GUARDA LE FOTO

"Lancia la scarpa a Bush". Ora è anche un gruppo su Facebook. Boom di iscritti

E la scarpa di Bush diventa un tormentone in rete. Giochi, parodie e foto

Iraq/ "Lanciatore" anti-Bush ha braccio e costole fratturati. E una tv libanese gli offre un lavoro

Iraq/ E il "lanciatore" anti-Bush diventa un eroe... L'ex avvocato di Saddam lo difenderà. VIDEO

Scheda/ Quando la politica si sfila le scarpe

Il lancio delle scarpe a Bush sancisce con efficace simbolismo il fallimento della sua politica irachena. Anche se il presidente USA ha schivato con sorprendente prontezza la collisione con i proiettili “44” del giornalista  Muntadar al-Zeidi, lo sforzo militare/diplomatico americano viceversa ha impattato duramente con una realtà sociale e culturale che gli strateghi neo-con non avevano saputo valutare. Al-Zeidi è subito diventato un “eroe” popolare in tutto il mondo arabo e Bush, alla vigilia del suo pensionamento, incassa una delle peggiori brutte figure mai fatte da un presidente di una grande superpotenza.



In tempi non sospetti, dalle pagine di “La Pace Armata” (Paniccia-Leso-Castelli) abbiamo predetto il fallimento di una strategia interamente basata sul fattore “shock & awe” come unica opzione per raggiungere il successo nell’abbattere una dittatura scomoda e riportare (o meglio portare) la democrazia in Iraq. Il gruppo decisionale del Pentagono, con il supporto di pochi riluttanti militari e grazie all’incompetenza di cui fece sfoggio l’allora governatore Paul Bremer, tentò di introdurre un concetto che nel nostro libro definimmo di guerra “all inclusive”, ovvero l’illusione di poter raggiungere tutti gli obiettivi strategici attraverso un’unica azione militare, senza prendere in considerazione le infinite sfaccettature di tale linea di condotta e soprattutto senza predisporre un piano post-conflitto finalizzato alla ricostruzione ma compatibile con la difficile realtà locale, fatta di tensioni nuove ed antiche. Il risultato è che oggi Bush chiude a scarpate la sua esperienza irachena mentre ad Obama tocca infilarsi senza entusiasmo nel ginepraio lasciato dal suo predecessore.


Manifestazioni in tutto il mondo. Scarpe contro Bush
GUARDA LA GALLERY

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA
In Vetrina