I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il Campione
Ylenia Lucisano, dalla musica per i matrimoni al suo primo disco

Da un paesino della Calabria a Milano. Dalla musica per i matrimoni al suo primo disco, "Piccolo universo", e al Premio Lunezia. Fino a iTunes che l'ha inserita nella rosa degli 8 artisti emergenti da tenere d'occhio, lanciando una campagna promozionale a livello nazionale. E' la storia dei primi 24 anni di Ylenia Lucisano, cantautrice pop e folk e ragazza sexy nei video, ma acqua e sapone nella realtà.

Sin da bambina ama la musica. I suoi idoli sono Fiorella Mannoia e Rita Pavone, e la canadese Avril Lavigne. E sogna di poter cantare. In quegli anni papà partiva dal loro villaggio, Rossano Calabro, per suonare a matrimoni nei paesi limitrofi. "Lui suonava la tastiera e una donna cantava con lui. Io mi sentivo un po' gelosa di lei, avrei voluto esserci io al suo posto. Ma ero troppo piccola - ricorda Ylenia. - Un giorno lei non viene più e mio padre resta senza vocalist. Io mi propongo. Lui, riluttante, accetta. E resta a bocca aperta. Caspita, mi dice, non sapevo avessi una voce così!"

A 11 anni Ylenia inizia a cantare in pubblico. E a 16 capisce che quello è il suo futuro. Che terminerà le scuole superiori, ma che l'università non fa per lei: meglio buttarsi a capofitto nel suo grande amore, la musica. Sa che per sfondare dovrà trasferirsi a Milano, o a Roma. All'inizio accumula delusioni: manager che la prendono in giro, promesse che non vengono mantenute. Poi, nel febbraio 2012, la svolta: Riccardo Vitanza, produttore di artisti come Pacifico, la ascolta cantare a Sanremo in un locale durante i giorni del Festival della Canzone. "Lui si avvicinò, mi disse che gli piacevo come artista e che era interessato a lanciarmi. All'inizio pensavo all'ennesimo inganno. Invece è stato di parola".

Così escono il disco "Piccolo Universo" e i singoli "Piccolo universo", scritto con Pacifico; Quando non c'eri; Movt movt, in dialetto calabrese; Un Angelo senza nome, scritto con Giulia Mazzoni e diventato l'inno dei City Angels, di cui Ylenia è testimonial; e a giorni uscirà "Riscoprirmi", che tratta il tema dell'autoerotismo femminile. "Un tema legato alla libertà delle donne - dice Ylenia. - In alcune culture, dove la donna è sottomessa, è ancora tabù". In Calabria Ylenia è un simbolo di riscatto. "Amo la mia terra, ma non accetto i piagnistei - dice. - Sono la dimostrazione che se credi in te stesso e nei tuoi sogni, prima o poi ce la fai."

Tags:
ylenia lucisanomartiofurlanmusicadiscocampioni
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.