I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il notaio conferma?
Eredità/ Da luglio parte il Certificato di successione europeo

A cura del Consiglio Nazionale del Notiariato

Pratiche di successione senza confini. Non sarà più il paese in cui il soggetto ha la cittadinanza a dettare le regole, ma lo stato in cui il soggetto, che decide di fare testamento, ha la residenza abituale. Per regolamentare la propria successione si potrà optare, infatti, tra discipline giuridiche diverse a seconda delle proprie esigenze. E' quanto prevede il Regolamento europeo del 4 luglio 2012, n. 650, in vigore in Italia a partire dal 17 agosto 2015, che consente a chi risiede nell'Unione europea di organizzare in anticipo la propria successione come meglio ritiene.

Per cui, per esempio, un cittadino italiano residente in Spagna, potrà optare, nel momento in cui decide di fare testamento, tra la legge italiana e quella spagnola beneficiando ove previsto di regole diverse per la gestione della quota legittima. Il regolamento è sorto dalla constatazione che la diversità delle norme che regolano la competenza internazionale o la legge applicabile, la molteplicità delle autorità coinvolte nell'ambito di una successione internazionale e la frammentazione delle successioni che la differenza fra tali norme può comportare ostacolano la libera circolazione delle persone nell'Unione, con la conseguenza che queste ultime hanno quindi grandi difficoltà a esercitare i loro diritti nell'ambito di una successione internazionale.

Per questo motivo il regolamento ha previsto la creazione all'interno degli Stati Membri dell'Unione del Certificato Successorio Europeo, che potrà essere richiesto apartire dal 17 agosto 2015a qualsiasi notaio italiano (senza limiti di competenza territoriale legata al luogo dell'apertura della successione e/o della situazione dei beni ereditari) nei seguenti casi:
" se la residenza abituale o cittadinanza del defunto è in Italia al momento della morte, o nel caso in cui non siano trascorsi più di 5 anni tra il momento del cambiamento di tale residenza e la richiesta del CSE;
" se il defunto ha optato per la legge italiana in quanto legge della cittadinanza al momento della scelta o al momento della morte;
" in presenza di un collegamento sufficiente del nostro Stato con la successione e in assenza di altra autorità competente.

Il Certificato successorio europeo (CSE) consente agli eredi, legatari, esecutori testamentari o amministratori dell'eredità di far valere all'estero, senza necessità di compiere in loco ulteriori atti formali, la loro qualità e i connessi diritti, poteri e facoltà. Pur non essendo obbligatorio e non sostituendo i documenti interni utilizzati per scopi analoghi negli Stati membri, una volta rilasciato il certificato produce i suoi effetti anche nello Stato membro le cui autorità lo hanno rilasciato.

Il regolamento si applica alle successioni a causa di morte, mentre non concerne la materia fiscale, doganale e amministrativa. Espressamente escluse dall'ambito di applicazione sono, ad esempio, le questioni attinenti: lo status delle persone fisiche, i rapporti di famiglia e i rapporti che secondo la legge applicabile a questi ultimi hanno effetti comparabili; le questioni riguardanti la scomparsa, l'assenza o la morte presunta di una persona fisica; le questioni riguardanti i regimi patrimoniali tra coniugi e i regimi patrimoniali relativi a rapporti che secondo la legge applicabile a questi ultimi hanno effetti comparabili al matrimonio; la validità formale delle disposizioni a causa di morte fatte oralmente.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
eredità
in evidenza
Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

Quirinale/ Rete scatenata

Mentana all'inizio della maratona
Il Colle, il voto e l'ironia social

i più visti
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


casa, immobiliare
motori
Mini classica si converte all'elettrico

Mini classica si converte all'elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.